Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

SPACE ECONOMY

Nasa-Hpe, tutto pronto per il lancio del super-computer nello Spazio

Destinato alla Iss lo Spaceborne Computer realizzato per resistere ad ambienti “estremi” in vista della missione su Marte. Il test durerà un anno

16 Ago 2017

Sulla stazione spaziale internazionale ISS è in arrivo un supercomputer firmato HPE. Si chiama HPE Spaceborne Computer e servirà a capire come un pc realizzato con componenti disponibili sul mercato sia in grado di resistere ad un ambiente diverso come quello spaziale.

Lo Spaceborne Computer verrà inviato sulla Stazione Spaziale Internazionale prima di essere lanciato sul razzo SpaceX CRS-12 e poi inviato tramite SpaceX Dragon Spacecraft. L’esperimento durerà un anno e ha l’obiettivo di arrivare alla missione su Marte, un viaggio della stessa lunghezza.

Il supercomputer potrebbe aiutare gli astronauti a sopravvivere in condizioni estreme, consentendo di elaborare informazioni in tempo reale nello spazio.

Il dispositivo è stato realizzato con la collaborazione della Nasa e ha caratteristiche particolari a partire dall’involucro ad acqua per il controllo della temperatura e una versione di Linux come sistema operativo.

A bordo anche un software specifico in grado di sopportare le temperature rigide e la presenza di radiazioni. E’ in grado anche di aggiustare al volo parametri come velocità delle CPU e frequenza di aggiornamento della memoria e in caso di anomalie potrà spegnere automaticamente il computer. Il sistema sarebbe già stato testato sulla Terra, resistendo agli sbalzi di tensione provocati da recente tempesta di fulmini.

I test sulla Iss vengono svolti con l’obiettivo di sviluppare un hardware in grado di resistere ai viaggi nello spazio più impegnativi, come quelli su Marte.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
iss
N
nasa

Articolo 1 di 3