Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Nasce AeroTech Campus, Leonardo porta al Sud l’hub per l’innovazione tecnologica

Il centro di Pomigliano d’Arco ospiterà ricercatori, sviluppatori e nuovi team imprenditoriali. L’Ad Alessandro Profumo: “La sfida per il futuro del Paese passa dalla crescita del Mezzogiorno”

18 Feb 2019
????????????????????????????????????

Nascerà nel sito produttivo di Pomigliano d’Arco l’AeroTech Campus di Leonardo, il nuovo Hub per l’innovazione tecnologica della divisione Aerostrutture della società guidata da Alessandro Profumo. La realizzazione del centro è stata annunciata oggi in un evento a cui hanno preso parte il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il ministro allo Sviluppo economico Luigi Di Maio, insieme ai rappresentanti delle istituzioni locali e ai vertici di Leonardo. Il progetto prevede anche la reingegnerizzazione dei processi produttivi del sito di Pomigliano d’Arco e rappresenta, si legge in una nota della società, un primo passo verso il rilancio del settore aeronautico del Mezzogiorno d’Italia.

“La sfida per il futuro del Paese – afferma l’Ad Alessandro Profumo – passa dalla sua capacità tecnologica e dalla crescita del Mezzogiorno. Leonardo si candida a giocare un ruolo cruciale per il rilancio competitivo del sistema Italia attraverso un piano di investimenti che necessariamente passa da un patto con le Istituzioni. Il nostro obiettivo è invertire la rotta e rendere i nostri impianti produttivi un’eccellenza del settore manifatturiero. Leonardo è pronta a fare la sua parte e chiediamo agli enti locali e alle amministrazioni centrali di investire nel settore delle aerostrutture al nostro fianco”.

La società conta già oggi su una presenza forte in Campania, dove è il principale attore del distretto aerospaziale regionale e conta su cinque divisioni e una joint venture con Telespazio: 4.500 dipendenti in tutto distribuiti trai i siti produttivi di Pomigliano d’Arco, Nola, Fusaro, Giugliano, Pozzuoli, Benevento e Napoli. Di questo impegno fanno parte anche le collaborazioni con gli atenei locali, per una strategia di open innovation che punta allo sviluppo di nuove tecnologie, competenze, prodotti e servizi e alla valorizzazione della ricerca di base.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5