Natale 2017, l'hi-tech "vira" sulla smart home - CorCom

REGALI

Natale 2017, l’hi-tech “vira” sulla smart home

Secondo le stime degli analisti i regali tecnologici continueranno a fare la parte del leone, ma quest’anno i riflettori si accenderanno sulle soluzioni per la domotica. In forte aumento lo shopping via mobile

05 Dic 2016

Antonello Salerno

Il primo posto del podio tra i regali di Natale lo occuperanno i dispositivi tecnologici, e tra questi si ritaglieranno uno spazio importante le tecnologie per la domotica, e quindi per la Smart home. E’ quanto emerge da uno studio realizzato da Avvenia, player italiano specializzato nella white economy. E se dal “cosa” spostiamo l’attenzione sul “come” si comprerà, le previsioni arrivano da uno studio di Visa, dal quale emerge una diffusione sempre più radicata di carte contactless e utilizzo del mobile commerce: quindi sempre meno acquisti in contati sempre più shopping con le nuove tecnologie di pagamento applicate alle carte di credito e a smartphone e tablet.

Sono oltre 165 milioni, secondo i dati diffusi da Visa, le carte contactless in circolazione in Europa, a cui si vanno ad aggiungere 3,4 milioni di terminali abilitati al pagamento mediante tecnologia Nfc. Secondo il Digital payments study 2016 di Visa, il loro utilizzo per i pagamenti è passato dal 36% del 2015 al 52% del 2016. Si tratta di un trend osservabile non solo tra i più giovani consumatori, più esperti nell’approccio alle nuove tecnologie. Il contactless, infatti, è in crescita presso tutte le fasce di età e registra l’aumento più sostenuto nella fascia dei 55-64enni, che ha assistito a una crescita del 64% dal 2015.

Il Digital Payments Study di Visa rivela come i consumatori amino combinare i canali fisici e quelli online al momento dell’acquisto, soprattutto quando si tratta di prodotti e servizi di particolare valore. Sette europei su dieci sono “showroomer”, ovvero preferiscono vedere di persona un prodotto nel punto vendita prima di procedere all’acquisto online. Il 66% apprezza il “webroom”, ovvero cerca il miglior prezzo online prima di acquistare il prodotto nel punto vendita fisico. Nonostante la crescita delle vendite di regali di Natale online, i punti vendita fisici continuano ad essere parte importante dei comportamenti di acquisto medi. Il 60% dei consumatori apprezza ancora la possibilità di interagire con commessi e personale di vendita e quella di poter vedere il regalo di persona.

WEBINAR
Business Agility: come le linee di business possono essere protagoniste del cambiamento?
Digital Transformation
Risorse Umane/Organizzazione

“La crescente familiarità dei consumatori europei con i pagamenti con carta contactless sta portando a una normalizzazione di tutte le forme di pagamento digitale – afferma Davide Steffanini, direttore generale Visa in Italia – Questo Natale vedrà una serie di metodi di pagamento diversi, utilizzati per un’ampia varietà di acquisti: dai regali da mettere sotto l’albero agli aperitivi di auguri con gli amici, fino al cenone di Vigilia o al pranzo di Natale.”

“Sotto l’albero non mancheranno neanche abbigliamento e accessori, i classici prodotti enogastronomici, libri e profumi, ma sicuramente il 2016 lascia largo spazio alla tecnologia, con i nuovi modelli di smartphone, smartwatch, tablet, cuffie, kindle per gli amanti della lettura e, particolarmente quest’anno, i nuovi dispositivi per la domotica”, afferma Giovanni Campaniello, fondatore e amministratore unico di Avvenia. Secondo il sondaggio sul “regalo più ambito per Natale” su un campione di 3.000 persone di entrambi i sessi, rappresentativo della popolazione italiana, i prodotti tecnologici si posizionano al primo posto, raccogliendo il 38% delle preferenze degli italiani.

Tra i doni più gettonati le sveglie connesse, i termostati che garantiscono il pieno controllo sulla temperatura casalinga permettendo di personalizzare i profili del riscaldamento domestico, le smart bulb sempre più intelligenti e colorate che offrono la possibilità di cambiare il colore e la gradazione della luce a proprio piacimento, i termometri per la cucina che si collegano e si controllano con lo smartphone monitorando costantemente la temperatura dei cibi in cottura. Oppure gli impianti di videosorveglianza ip che sfruttano la connettività wi-fi per fornire elevati standard di sicurezza, permettendo grazie al sensore di movimento e alla registrazione in cloud di monitorare la propria abitazione anche quando si è fuori per un viaggio di lavoro o in vacanze.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Avvenia
D
Davide Steffanini