Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

NUOVE REGOLE

Net neutrality, la Camera studia una legge ad hoc

In Commissione Trasporti e Tlc via all’esame del testo a firma di Stefano Quintarelli che norma il principio di neutralità della rete. Il presidente Meta: “Il tema è cruciale, ci impegniamo a licenziare il testo in tempi rapidi”

06 Mag 2015

E.L.

La Camera avvia l’esame della proposta di legge sulla net neutrality. Lo annuncia Michele Meta, presidente della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni della Camera. “Nei mesi scorsi l’indagine conoscitiva a tutto campo sul sistema dei media audiovisivi, ora la net neutrality – dice Meta – le sfide lanciate e le opportunità offerte dalla rete, in un’epoca di continui cambiamenti, hanno bisogno di risposte concrete anche dal Parlamento. Per questo, proprio oggi abbiamo iniziato l’esame di una proposta di legge attesa da molti: quella sulla fornitura dei servizi della rete internet per la tutela della concorrenza e della liberta’ di accesso degli utenti”.

“Il problema dei contenuti decisi a monte da chi crea o gestisce piattaforme – prosegue il deputato Pd – limita di molto la libertà di scelta; la legge in esame, presentata da Stefano Quintarelli e firmata da parlamentari di forze politiche diverse, interviene proprio su questo: da un lato stabilendo il principio della neutralità della rete, dall’altro introducendo misure per una maggiore separazione tra i servizi di accesso a internet e gli ulteriori servizi forniti dai medesimi operatori”.

“Quello della net neutrality – conclude Meta – è un tema cruciale, al centro di dibattiti sia nel Parlamento europeo che nella Federal Communications Commission americana: la stessa Commissione di studio istituita a Montecitorio per l’elaborazione di una dichiarazione dei diritti in Internet ne ha sottolineato l’importanza. Confidiamo dunque nell’approvazione di questa proposta, e ci impegneremo perché venga licenziata dalla Camera in tempi rapidi”.