Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Netflix al rilancio, scatta la guerra con Apple sul fronte pagamenti. Coinvolta anche l’Italia

Dopo una trimestrale deludente l’azienda testa nuove iniziative per raggiungere il break even. “Billing” diretto bypassando la fatturazione attraverso iTunes, ma in arrivo anche altre sperimentazioni

22 Ago 2018

Svolta per Netflix sul fronte pagamenti. La piattaforma di streaming punta a bypassare Apple portandosi in casa il billing e controllando il pagamento dei clienti nel tentativo di aumentare i margini e raggiungere il break even. Nonostante il grande successo – la piattaforma ha da poco toccato quota 130 milioni di abbonati nel mondo – fatica a far quadrare i conti e l’ultima trimestrale non è stata all’altezza delle attese.

Per i nuovi abbonati non sarà più possibile fatturare attraverso iTunes di Apple: è questo l’esperimento che l’azienda guidata da Reed Hasting sta attuando in 33 Paesi tra cui l’Italia. La notizia, lanciata da Ndtv in India, è rimbalzata sulle testate Usa secondo cui sono coinvolti gran parte degli Stati in Europa, America Latina e Asia dove da maggio scorso i nuovi utenti vengono reindirizzati alla versione web mobile di Netflix per registrare i dettagli del pagamento.

Non è il primo caso di “abbandono” della piattaforma di pagamento Apple da parte di app per l’entertainment, il cui fronte sta entrando in competizione con il gruppo guidato da Tim Cook: già Spotify ha sperimentato la nuova modalità.

“Stiamo costantemente innovando e testando nuovi approcci di registrazione su piattaforme diverse per comprendere meglio ciò che piace ai nostri clienti – ha commentato l’azienda a TechCrunch -. Sulla base di ciò che verificheremo potremo migliorare l’esperienza Netflix per i clienti di tutto il mondo. ”

Effettuare la fatturazione bypassando Apple significa per Netflix un vantaggio economico. Attualmente Apple trattiene il 30% dell’abbonamento del primo anno (poi la quota scende al 10%).

A luglio la società ha registrato una battuta d’arresto nei ricavi e nella crescita di abbonati.

I test sulla fatturazione non solo il solo esperimento che l’azienda sta eseguendo. Tra gli altri una prova per verificare come possani essere accolte promozioni video tra un episodio e l’altro della serie Tv e un sistema più articolato di recensioni degli utenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5