Netflix aumenta i prezzi dei piani standard e premium - CorCom

VIDEO STREAMING

Netflix aumenta i prezzi dei piani standard e premium

La società annuncia rincari rispettivamente a 13,99 e 17,99 dollari al mese, pari a uno e due euro in più. Il bundle entry-level rimane a 8,99 dollari

30 Ott 2020

Domenico Aliperto

Netflix ha aumentato i prezzi dei suoi piani standard e premium portandoli rispettivamente a 13,99 e 17,99 dollari al mese, mentre il piano entry-level rimane a 8,99 dollari, lo stesso prezzo praticato lo scorso anno. È stata soprattutto l’offerta a maggior valore a risentire dei rincari: prima del cambio di tariffa, introdotto ieri, i piani costavano infatti 12,99 e 15,99 dollari.

Gli attuali clienti Netflix vedranno i prezzi aggiornati sulla loro bolletta nei prossimi due mesi – ha spiegato un portavoce dell’azienda specializzata nella realizzazione di servizi di video streaming e nella produzione di contenuti alla Cnbc – ma riceveranno un avviso relativa alla modifica 30 giorni prima dell’adeguamento ai nuovi prezzi. È il primo aumento da quando Netflix ha aumentato il costo del suo servizio nel gennaio 2019. Prima di allora, i piani base, standard e premium erano disponibili rispettivamente per 8, 11 e 14 dollari.

Il piano standard di Netflix offre una qualità fino a 1080p e consente alle persone di guardare su due schermi contemporaneamente. Il piano premium include invece il supporto per risoluzioni 4K e Hdr e fino a quattro schermi contemporaneamente. Il piano di base supporta invece una risoluzione di 480p, più o meno la qualità offerta da un Dvd.

Cresce il valore, aumentano i prezzi

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

In occasione dell’ultima conference call dedicata agli utili della società, il direttore operativo Greg Peters aveva d’altra parte accennato al fatto che ci sarebbe potuto essere un aumento dei prezzi. Peters ha sottolineato che se Netflix continua a fare un ottimo lavoro investendo in contenuti originali per offrire più valore agli utenti, allora si rafforza la sensazione che “c’è l’opportunità di tornare di tanto in tanto dagli abbonati dei Paesi in cui è stato fornito quel valore extra e chiedere loro di pagare un po’ di più”.

In seguito all’annuncio, le azioni di Netflix sono aumentate di oltre il 4% sulla variazione di prezzo prima di stabilizzarsi più tardi la sera, ma potrebbe trattarsi di un trend più generalizzato, visto che anche le azioni Disney, nota Cnbc, si sono apprezzate di oltre il 3%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3