Nokia si prepara per la ristrutturazione: a rischio fino a 10mila lavoratori - CorCom

L'ANNUNCIO

Nokia si prepara per la ristrutturazione: a rischio fino a 10mila lavoratori

Il colosso finlandese prevede tagli fino all’11% dei dipendenti. Le nuove efficienze compenseranno gli investimenti in ricerca e sviluppo e l’implementazioni di 5G e cloud

16 Mar 2021

Domenico Aliperto

Nokia ha annunciato un piano di ristrutturazione che coinvolgerà da 5 a 10 mila posti di lavoro nei prossimi due anni. I tagli potrebbero riguardare quindi fino all’11% della forza lavoro del gruppo, come parte di un importante piano di riduzione dei costi. A comunicarlo è stato lo stesso specialista delle soluzioni Tlc. Il numero esatto, si legge in un comunicato stampa, dipenderà dall’evoluzione del mercato nei prossimi 18-24 mesi.

I risparmi attesi con il piano di ristrutturazione

Le nuove efficienze, spiega la nota, compenseranno gli investimenti in ricerca e sviluppo e funzionalità future tra cui 5G, cloud e infrastruttura digitale. “Nokia ha ora quattro gruppi aziendali”, spiega Pekka Lundmark, Presidente e Ceo. “Stiamo migliorando la qualità del prodotto e la competitività dei costi e investiamo nelle giuste competenze e capacità”. Nokia si aspetta una “base di costi inferiore di circa 600 milioni di euro entro la fine del 2023. Gli oneri associati alla ristrutturazione saranno di circa 600-700 milioni, di cui circa il 50% è previsto nel 2021, circa il 15% è previsto nel 2022 e circa il 35% è previsto nel 2023. Inoltre, Nokia continua a prevedere circa 500 milioni di deflussi di cassa relativi al suo precedente programma di ristrutturazione” ma non cambia le previsioni sul 2021. Il piano e i dettagli sulle strategie future, le ipotesi sulle prospettive finanziarie saranno presentati il 18 marzo il Capital Markets Day.

candidati entro il 20/5
Tornano i Digital360 Awards! Partecipa al contest: oltre 160 CIO valuteranno il tuo progetto

Le decisioni che possono avere un potenziale impatto sui nostri dipendenti non vengono mai prese alla leggera”, afferma Lundmark. “Garantire la configurazione e le capacità giuste è un passo necessario per fornire prestazioni sostenibili a lungo termine. La mia priorità è garantire che tutti gli interessati siano supportati durante questo processo.

I quattro gruppi aziendali che compongono Nokia

Mobile Networks mira a essere il punto di riferimento delle reti di mobilità wireless e dei servizi associati. Per raggiungere questo obiettivo, si concentrerà sul rafforzamento della leadership tecnologica e investirà ulteriormente nella ricerca e sviluppo del 5G. Accelererà inoltre gli sforzi per digitalizzare i processi e gli strumenti lungo la catena del valore. Razionalizzerà il proprio portafoglio e ridurrà i livelli di investimento nelle parti mature o in declino del portafoglio; continuare a ridurre la frammentazione del sito; ridurre le attività sovrapposte e promuovere ulteriori efficienze sui costi. “I clienti dei servizi cloud e di rete stanno passando dal possesso di prodotti al consumo di risultati, forniti come servizio dal cloud. Le priorità del gruppo aziendale e il modo in cui opera devono essere in linea con questo cambiamento”, si legge nella nota.

Di conseguenza, la divisione Cloud and Network Services intende allineare i portafogli e razionalizzare i modelli di servizio; rafforzare la leadership tecnologica riorientando le risorse di ricerca e sviluppo sulle opportunità di crescita emergenti; semplificare le operazioni e le funzioni di supporto e aumentare la produttività riducendo la frammentazione del sito.

Network Infrastructure rimarrà sostanzialmente invariata, sebbene aumenterà i suoi investimenti in ricerca e sviluppo e pianificherà nuove capacità per soddisfare la domanda dei clienti e supportare l’innovazione del portafoglio. Inoltre, realizzando appieno le efficienze in termini di costi offerte dal nuovo modello operativo di Nokia, anticipa la razionalizzazione dei costi Sg&A come percentuale delle vendite.

Anche Nokia Technologies continuerà a gestire con attenzione i costi per consentirle di investire in tecnologie future e mantenere alti livelli di redditività.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5