L'INIZIATIVA

Nokia scommette sulle skill: 300 borse di studio in programmazione avanzata

Il progetto, realizzato in collaborazione con la piattaforma di apprendimento online Udacity e con Bit Foundation, è rivolto alle comunità sottorappresentate nel settore tecnologico. Focus sul intelligenza artificiale e scienza dei dati

24 Ago 2021

Domenico Aliperto

IBM-X-Force-Threat-Intelligence-Index-LinkedIn-2

Nokia ha annunciato il lancio di un programma di 300 borse di studio volto a fornire maggiori opportunità alle comunità sottorappresentate nel settore tecnologico. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con la piattaforma di apprendimento online e trasformazione dei talenti Udacity e Blacks In Technology (Bit) Foundation.

I contenuti del programma

Le borse di studio interamente finanziate coprono una gamma di competenze tecnologiche di base, dal cloud computing e programmazione all’intelligenza artificiale e alla scienza dei dati, e sono disponibili dal livello introduttivo a quello avanzato. I candidati prescelti saranno in grado di selezionare corsi su argomenti come Programmazione Ai con Python, Programmazione Java, Strutture dati e algoritmi, Python intermedio e Ingegneria Cloud DevOps.

WHITEPAPER
Porta il tuo Contact Center ad un livello successivo con speech analytics e sentiment analysis
Intelligenza Artificiale
Marketing

I corsi saranno erogati da Udacity, i cui programmi Nanodegree sono completamente online e progettati per essere completati insieme a ulteriori studi o lavoro a tempo pieno, rendendoli accessibili a chiunque indipendentemente dalla propria posizione o professione. Le borse di studio sono aperte a candidati con sede in qualsiasi parte del mondo, sia a studenti che a professionisti del settore che desiderano sviluppare ulteriormente le proprie competenze tecnologiche.

I beneficiari delle borse di studio avranno anche accesso al supporto e ai servizi di networking forniti dalla Fondazione Bit, compresi tutoraggio e risorse di supporto alla carriera post-completamento. Nokia lavorerà inoltre a stretto contatto con il suo gruppo di risorse per i dipendenti afroamericani Able (Advancing Black Leadership and Excellence) per promuovere ulteriormente l’iniziativa.

L’impegno per una tecnologia inclusiva

“Ci impegniamo a creare una tecnologia che aiuti le persone ad agire insieme, ma per farlo l’industria tecnologica deve riflettere il mondo che ci circonda”, spiega in una nota Karoliina Loikkanen, Global Head of Sustainability di Nokia. “Questa iniziativa amplia ulteriormente le nostre attività per promuovere una maggiore inclusione e diversità attraverso azioni concrete che offrono opportunità a comunità e individui sottorappresentati, indipendentemente dall’origine o dall’etnia. L’istruzione costituisce una parte fondamentale di questo. Diverse aziende hanno dimostrato di avere prestazioni migliori e intendiamo incoraggiare gli studenti che completano con successo uno dei programmi a candidarsi per posizioni all’interno di Nokia”.

Dennis Schultz, direttore esecutivo della Bit Foundation, aggiunge: L’istruzione è uno dei modi più importanti per noi di aiutare a rimuovere le barriere alla diversità nella tecnologia. Fornendo l’accesso a risorse progettate per coltivare e sviluppare le competenze delle persone, possiamo aiutare a portare più talenti neri nello spazio tecnologico. Siamo lieti di vedere i principali attori del settore come Nokia farsi avanti con Udacity e affrontare il problema a testa alta per portare avanti la trasformazione digitale e migliorare la tanto necessaria rappresentazione dei neri nella tecnologia”.

Gabe Dalporto, Ceo di Udacity, chiosa: “Abbiamo unito le forze con Nokia e Blacks In Technology Foundation perché crediamo che sia fondamentale continuare a creare opportunità per i gruppi sottorappresentati per costruire carriere nel campo della tecnologia. Democratizzare l’accesso alla formazione sulle competenze digitali creerà opportunità che cambiano la vita per le persone e queste borse di studio ci assicureranno di continuare a prendere misure misurabili per aumentare la partecipazione dei neri nel settore tecnologico”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4