Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Numericable drena risorse per acquisire Sfr

Collocate azioni per 4,7 miliardi. Disco verde dell’antitrust francese al take over (23 miliardi) da cui nascerà la seconda maggiore telco sul mercato francese

29 Ott 2014

Patrizia Licata

Numericable ha deciso di collocare sul mercato nuove azioni per 4,7
 miliardi di euro per finanziare il suo acquisto dell’operatore mobile Sfr. Nei giorni scorsi l’antitrust francese ha dato il suo ok all’operazione con cui il miliardario Patrick Drahi, patron di Altice, parent company di Numericable, intende fondere le due aziende creando un solo fornitore del cavo e del mobile e la seconda maggiore telco sul mercato francese.

Gli azionisti attuali di Numericable otterranno diritto di prelazione per acquistare le nuove azioni al prezzo di 17,82 euro ciascuna, ha reso noto l’azienda.

Altice ha raggiunto lo scorso aprile con Vivendi l’accordo per comprare Sfr, secondo maggiore operatore mobile francese, pagando 23 miliardi di euro, di cui 13,5 miliardi in contanti. Il deal 
permette a Numericable di offrire servizi mobili e di competere sul mercato francese con le attuali leader Orange e Bouygues proponendo pacchetti che includono telefonia fissa e mobile, Tv e Internet.

Vivendi, il colosso dei media parigino, otterrà il 20% di Numericable una volta che la vendita di azioni sarà completata.


Il prezzo delle azioni di Numericable è quasi raddoppiato da quando l’azienda si è quotata in Borsa a novembre dello scorso anno. Il periodo di sottoscrizione per le nuove azioni messe in vendita si aprirà il 31 ottobre e si chiuderà il 12 novembre. La vendita sarà realizzata col supporto di una serie di banche tra cui Deutsche Bank, Morgan Stanley e JPMorgan Chase.

L’autorità antitrust francese ha dato il disco verde per l’acquisizione di Sfr da parte di Numericable chiedendo a quest’ultima di dismettere alcune attività (tra cui quelle nei territori esteri di La Reunion e Mayotte) e di mettere temporaneamente la sua rete su cavo a disposizione dei concorrenti, finché questi non avranno le loro reti ultra-veloci. A Numericable è stato anche vietato di scambiare con Vivendi dati di mercato cruciali nelle aree in cui le due aziende sono rivali.

Articolo 1 di 5