Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'EVENTO

Olivetti, 110 anni di innovazione in mostra a Roma

La galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea ospita l’esposizione che racconta l’evoluzione della casa di Ivrea. L’Ad Riccardo Delleani: “Con la sua capacità di anticipare il futuro l’azienda ha scritto pagine importanti della storia industriale del Paese”

19 Feb 2018

A. S.

Oltre 300 pezzi unici tra oggetti, manifesti e fotografie d’epoca che raccontano i 110 anni di Olivetti, l’azienda che ha fatto la storia dell’innovazione tecnologica, del design, della grafica, e della comunicazione in Italia: è la mostra “Looking Forward. Olivetti: 110 anni di immaginazione”, che rimarrà aperta alla galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea di Roma fino al primo maggio.

La mostra è stata curata da Ilaria Bussoni, Manolo De Giorgi e Nicolas Martino, con la collaborazione dell’associazione Archivio storico Olivetti, Looking Forward “è un omaggio non nostalgico alla tradizione olivettiana – si legge in una nota dell’azienda – il racconto del grande progetto iniziato 110 anni fa grazie a una grande famiglia dell’industria italiana e dell’eredità immaginifica di quel progetto trasmessa all’azienda che prosegue nel presente”.

Due le sezioni della mostra. La prima, “Raccolta visiva”, racconta il progetto Olivetti attraverso una trentina di temi che hanno per filo conduttore la modernità. La seconda, “Disegnare la vita”, raccoglie una serie di scatti fotografici, manifesti pubblicitari e parole dall’associazione Archivio storico Olivetti.

La mostra raccoglie inoltre più di 150 scatti, tra stampe fotografiche originali, inedite e in maggior parte mai esposte prima, di alcuni dei maestri della fotografia del secolo scorso quali Henri Cartier-Bresson, Gianni Berengo Gardin, Ugo Mulas, Francisc Català Roca, Fulvio Roiter, una selezione di decine di manifesti e una collezione delle locandine pubblicitarie di Giovanni Pintori datate tra la fine degli anni ‘50 e l’inizio dei ‘60.

Tra i prodotti “iconici” che fanno parte della mostra le macchine per scrivere M1, Lettera22, P101 e Valentine, fino al digitale del Form200, registratore di cassa connesso e primo prodotto realizzato grazie al concorso Olivetti Design Contest promosso dall’azienda tra le maggiori università europee di design.

Olivetti ha scritto pagine importanti della storia industriale, con la sua capacità visionaria di anticipare il futuro, cambiando la vita di intere generazioni e il concetto di impresa attraverso scelte etiche coraggiose e una profonda coscienza della morale sociale – afferma Riccardo Delleani, amministratore delegato di Olivetti – Il design, l’organizzazione industriale, il ruolo degli intellettuali, il valore dell’arte e la ricerca tecnologica sono sempre stati gli strumenti utilizzati per proporre e creare un modello di produzione e di vita migliori. La bellezza degli oggetti e delle immagini presentati in questa mostra rappresenta una delle forme più visibili dei valori di questa esperienza con l’obiettivo di dare ai visitatori stimoli vitali per guardare avanti con l’aiuto di una grande storia”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

I
innovazione
O
olivetti

Articolo 1 di 5