Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Oltre 700 registrati al laboratorio cybersecurity del Cini

03 Feb 2017

L’obiettivo di Cyberchallenge.it è quello di reclutare i nuovi talenti italiani della cybersecurity. E la partecipazione per riuscire a seguire i corsi, aperti a 25 studenti, è stata alta: al sito si sono iscritti in più di 700. Di questi 250 hanno passato la prima selezione online, e ora uno su dieci potrà superare l’ultimo ostacolo, con le selezioni che hanno avuto inizio oggi. A organizzare ‘iniziativa è il Centro di Cyber Intelligence e Information Security dell’Università degli studi di Roma La Sapienza (CIS-Sapienza).

I 25 studenti che riusciranno a superare la selezione, sottolineano gli ideatori del concorso, “impareranno sul campo i meccanismi usati nei malware reali, scopriranno come
trovare vulnerabilità in un software e le tecniche di difesa e di hacking etico più efficaci. L’obiettivo è formare nuove generazioni di innovatori nell’ambito della cybersecurity per
colmare in parte il gap nazionale esistente di esperti in ambito industriale, governativo e di ricerca. Il cyberspace è ormai un elemento strategico di business e di difesa degli interessi nazionali come mostra l’attenzione crescente anche dell’opinione pubblica verso attacchi informatici, che stanno diventando sempre più numerosi e devastanti come testimoniato anche dai recenti fatti nazionali legati al malware Eye Pyramid“.

Di un “successo inaspettato” parla Camil Demetrescu, coordinatore dell’iniziativa e professore di Ingegneria Informatica presso l’Università di Roma La Sapienza, “che mostra come i giovani siano sensibili al tema della sicurezza informatica e alla protezione del cyberspace nazionale. Questa prima edizione è per noi organizzatori un banco di prova dove capire le criticità che dovremo affrontare nelle prossime edizioni, quando Cyberchallenge.IT verrà realizzata in diverse Università Italiane”.

CyberChallenge.IT è un progetto di sistema paese che parte dalle università per aumentare la workforce nazionale in cybersecurity – spiega Roberto Baldoni, direttore del laboratorio nazionale cybersecurity del Cini e del centro di ricerca di cyber Intelligence e information Security di Sapienza – Cyberchallenge.IT è un programma di sensibilizzazione degli studenti delle scuole superiori verso il mondo della trasformazione digitale e, per gli studenti ai primissimi anni di università, un programma di orientamento verso le sfide della cybersecurity. Settori dove ognuno dei 700 ragazzi registrati alla cyberchallenge.IT potrà avere un’opportunità grandiosa di carriera professionale”.

Articolo 1 di 5