BANKING & PAYMENT

Open finance, Cbi completa la migrazione su Hub Cloud della rete del Corporate Banking Interbancario

L’infrastruttura utilizzata da oltre 3 milioni di imprese in Italia. Il Direttore generale Fratini Passi: “Vero e proprio salto di paradigma tecnologico e tappa di fondamentale importanza nel nostro percorso di innovazione”

Pubblicato il 22 Nov 2023

Patrizia Licata

Cloud,Cost,Management,And,Cloud,Cost,Optimization,Concept,-,Finops

La trasformazione digitale di Cbi – la società benefit partecipata da circa 400 banche e altri intermediari finanziari – raggiunge un importante traguardo con il completamento della migrazione della rete del Corporate banking interbancario sulla nuova architettura Cbi hub cloud per far evolvere l’offerta di servizi transazionali e di open finance. Lo ha annunciato la stessa società che, da oltre vent’anni, sviluppa e offre a imprese, cittadini e pubblica amministrazione infrastrutture e servizi innovativi nel mondo dei pagamenti digitali, dell’open banking e dell’open finance.

Cbi hub cloud – ora pienamente in produzione – è un’architettura tecnologica in cloud privato di interconnessione tra tutte le banche e i Payment service provider (Psp) clienti di Cbi.

“La migrazione alla nuovissima infrastruttura Cbi hub cloud rappresenta una tappa di fondamentale importanza nel nostro percorso di innovazione“, ha dichiarato Liliana Fratini Passi, direttore generale di Cbi.

Cbi, completata la migrazione a Cbi hub cloud

Il completamento della fase di migrazione della rete del Corporate banking interbancario, utilizzato da oltre 3 milioni di imprese in Italia, e degli altri servizi retail e Pa ivi gestiti, a Cbi hub cloud (Cbc) consente “la realizzazione di un vero salto di paradigma tecnologico”, si legge nella nota di Cbi per i media.

WHITEPAPER
Pianificazione finanziaria alla guida della Digital Transformation: le migliori strategie
Contabilità
Controllo di gestione

Il progetto ha rappresentato, infatti, un importante sforzo di innovazione, che ha visto, negli ultimi quattro anni, il coinvolgimento attivo di tutti gli attori dell’ecosistema – banche, strutture tecniche, associazioni di categoria e autorità – con l’obiettivo di trasformare l’infrastruttura di rete, che gestisce  le oltre 60 funzioni di pagamento, incasso e informative multibanca tra le aziende italiane e verso la pubblica amministrazione, da protocolli proprietari a soluzioni virtualizzate e centralizzate basate su protocolli di rete standard aperti, ancora più moderni, flessibili e scalabili.

Open finance, servizi più evoluti e in tempo reale

Questo cambiamento consentirà ai Psp di offrire ai propri clienti corporate e retail e alla Pa, servizi transazionali e di open finance più evoluti e in tempo reale, ampliando notevolmente i livelli di efficienza, di sicurezza e di integrazione nel mercato dei pagamenti tra tutti gli attori del nostro Paese.

Cbi hub cloud, che ospita le funzioni centralizzate di processing, diagnostica e monitoraggio, rappresenterà la struttura portante da cui partire per tutte le evoluzioni dei servizi che ospita la nuova infrastruttura, offrendo anche ulteriori funzionalità online supportate dalla moderna tecnologia Api, garantendo un miglior time to market nel rilascio dei servizi, oltre che un migliore monitoraggio delle performance da parte di Cbi.

Un ecosistema tecnologico per i servizi bancari

“Offrendoci la possibilità di accorpare in un unico ecosistema tecnologico tutti i servizi ad oggi veicolati dalla nostra società, Cbi hub cloud non solo ci consente una gestione centrale – e di conseguenza migliore – di tutti i nostri processi, ma permette anche ai nostri clienti di rendere ancora più semplice, immediata,  efficiente e sicura la gestione dell’offerta nei confronti della propria clientela”, ha dichiarato Fratini Passi.

“Cbi hub cloud ci permetterà dunque – ha concluso il direttore generale di Cbi – di rafforzare il nostro ruolo come azienda per lo sviluppo di servizi digitali di pagamento e di open finance a supporto dell’offerta del settore finanziario anche internazionale, facilitando in ottica collaborativa il colloquio real time tra i vari attori del mercato, cittadini, imprese, banche, intermediari, fintech e pubblica amministrazione, attraverso l’utilizzo di tecnologie in linea con i migliori requisiti di sicurezza”.

Implementata con la collaborazione di Nexi, che ha realizzato l’infrastruttura tecnologica, Cbi hub cloud si inserisce nell’impegno della società di allinearsi con le tecnologie introdotte dalla Psd2, oggi alla base dell’open banking.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Argomenti trattati

Personaggi

L
Liliana Fratini Passi

Aziende

C
cbi

Approfondimenti

C
Cloud
O
open finance
P
pagamenti digitali

Articolo 1 di 3