Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'INIZIATIVA

Open Italy, Elis “promuove” otto startup

Il programma di open innovation dedicato all’economia 4.0 punta a trasformare in progetti di business concreti grazie all’affiancamento delle grandi aziende

24 Ott 2019

Carlo Salatino

Grandi aziende a tutta innovazione grazie a Open Italy, il programma lanciato da Elis, giunto alla sua terza edizione, per mettere allo stesso tavolo le Corporate di mercati diversi con le startup e i vari player dell’innovazione su tematiche e obiettivi comuni.

Suddivisi in 8 perimetri (Circular Economy, Customer Engagement, Hr Analytics, Industry 4.0, Intelligent City, Open & Connected Mobility, Predictive In-Operation, Smart Agriculture), i 10 progetti di Co-Innovazione di Open Italy, sviluppati con una metodologia lean di 12 settimane, sono stati presentati ieri allo Smau di Milano.

Le corporate che hanno presentato i progetti sono Acea, Anas, Eni gas e luce, Italferr, Minsait, RFI, Sirti, Sky, Snam, Trenord.

Alla presenza dei ceo e dei cio, queste grandi aziende, dopo la validazione di 8 progetti, hanno dichiarato la volontà di proseguire la collaborazione in un’ottica di lungo termine impegnandosi con le startup siglando accordi di business e sviluppo commerciale congiunto. Le startup scelte per affrontare questo percorso sono aGesic, Difly, Milano Multiphysics, Myco, Pigro, SyEnMaint, SmartDomotics, Studiomapp, Tolemaica.

“Per fare Open Innovation in maniera efficace oggi occorre lavorare continuamente su nuove idee e ingaggiare sia le aree di business interne sia startup nazionali e internazionali in una collaborazione stretta ed efficace – afferma Massimiliano Garri, Chief Innovation & Information Officier Acea & Ceo Acea Innovation – Questo approccio viene semplificato dalla partecipazione a programmi di Co-Innovazione come Open Italy del Consorzio Elis”.

“Le persone sono al centro della strategia di FS Italiane – aggiunge Franco Stivali, Chief Innovation Officer del Gruppo FS Italiane – In quest’ottica, aderire al programma Open Italy di Elis costituisce una grande opportunità per FS Italiane, perché ci consente di incontrare giovani talenti e scoprire nuovi metodi di innovare, con l’obiettivo di migliorare la qualità e la personalizzazione dei servizi offerti a chi sceglie il treno per i propri spostamenti di lavoro, studio, turismo e svago”.

Per Urbano Mimmo, Vice President Innovation & Communication Sirti “Co-Innovation, velocità, passione e sinergia, sono gli elementi vincenti della community Open Italy Elis. Siamo giunti al termine della fase di co-innovazione del progetto ”Deos” realizzato dalla virtuosa collaborazione di FS Italiane, Italferr, Sirti e le startup Studiomap, Difly e Tolemaica. Un ulteriore use case di successo nato grazie all’approccio condiviso di Open Innovation”.

Poiché l’innovazione corre sempre più veloce a un ritmo inarrestabile, appuntamento a mercoledì 11 dicembre a Roma con l’evento di lancio dell’edizione 2020.

Per le Corporate, i Partner e le Startup italiane che volessero maggiori informazioni circa la possibile partecipazione al programma 2020 scrivere a openitaly@elis.org.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5