IL DOCUMENTO

PA digitale, allarme Corte dei Conti: “6 miliardi spesi male”

Secondo le stime contenute nel “Referto in materia di informatica pubblica” sono pari a 5,8 miliardi le risorse destinate all’Ict. “Ma sono utilizzate in misura limitata e non sempre nel modo più razionale”. Firmata intesa con la ministra Pisano: “Serve monitoraggio continuo”

26 Nov 2019

Federica Meta

Giornalista

Quasi 6 miliardi vengono spesi per l’Ict pubblico. I numeri sono contenuti nel “Referto in materia di informatica pubblica” redatto dalla Corte dei Conti.

“Le stime più accreditate dichiarano una spesa complessiva di circa 5,8 miliardi l’anno per l’informatica pubblica, tra risorse nazionali e comunitarie- si legge nel documento – Lo scenario dà evidenza dell’esistenza di disponibilità cospicue, che rappresentano un considerevole potenziale di sviluppo e che potrebbero fare la differenza nell’adeguamento dell’Ict italiana a tutti i livelli di gestione e di governo, ma che vengono utilizzate in misura limitata e non sempre nel modo più razionale”.

Secondo la magistratura contabile la disponibilità delle risorse comunitarie per l’innovazione “è evidente come rappresenti una grande opportunità sia a livello centrale che periferico che non ci si può lasciar sfuggire”. Ma per metterle a frutto è importante”il coordinamento delle varie Pubbliche amministrazioni affinché i fondi disponibili vengano indirizzati nel modo migliore, in modalità sinergica e con obiettivi condivisi a livello centrale”.

Il futuro dell’informatica pubblica italiana “resta legato anche a una più ampia e incisiva convergenza delle iniziative, con una governance unitaria dotata di poteri concreti nella definizione delle strategie di digitalizzazione e di coordinamento effettivo delle Pubbliche amministrazioni centrali e periferiche, con compiti chiari e definiti”, continua la Corte dei Conti sottolineando che presupposto fondamentale per una corretta governance “è anche il presidio delle risorse” perché qualsiasi strategia nazionale che voglia misurarsi con obiettivi e risultati “non può prescindere da una conoscenza puntuale delle risorse disponibili, che consenta di mettere consapevolmente a raffronto le esigenze, i costi ed i risultati ottenuti anche in termini di servizi effettivamente resi alla collettività, ivi inclusa la loro corretta percezione”.

Complessivamente ha evidenziato il presidente, Angelo Buscemi, “l’amministrazione pubblica italiana, e il sistema paese in senso più ampio, sta soffrendo un ritardo ancora eccessivo per la lentezza di adattamento alla velocità di questo cambiamento, sia rispetto all’utilizzo adeguato delle tecnologie, sia, soprattutto, rispetto alla trasformazione digitale dei processi. Si può affermare con sicurezza che oggi la civiltà di un Paese si misura anche dal grado di digitalizzazione raggiunto”.

Il protocollo di intesa firmato con la ministra per l’Innovazione

5,8 miliardi di euro spesi all’anno anno per l’informatica nella PA “non so dire se sono tanti o pochi ma li abbiamo sicuramente spesi male, però un monitoraggio di queste spese aiuterebbe a far funzionare meglio i servizi”, ha detto Paola Pisano in occasione della presentazione del referto. “Auspico che la Corte crei una sezione per il monitoraggio della digitalizzazione della PA con magistrati che possano aiutarci perché fare digitalizzazione è far efficienza e trasparenza”, ha concluso.

FORUM PA 6 - 11 LUGLIO
Fare rete: la trasformazione digitale per coesione, partecipazione e sviluppo della comunità
Digital Transformation
PA

A margine della presentazione il Presidente della magistratura contabile Angelo Buscema e la ministra per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano hanno siglato un protocollo d’intesa “Per la promozione e il monitoraggio della trasformazione digitale della Pubblica amministrazione”. Le parti hanno delineato un percorso di azioni comuni da promuovere tra cui il monitoraggio degli obiettivi del Piano Triennale  e l’elaborazione di metriche per la misurazione delle performance delle PA.

La proposta del presidente della Camera, Roberto Fico

“Mi chiedo se non sia giunta l’ora di considerare, nel quadro di una piu’ ampia riforma del Regolamento della Camera, l’istituzione una commissione permanente con competenza orizzontale sulle questioni dell’innovazione digitale – ha sottolineato il presidente della Camera, Roberto Fico – Al di là della informatizzazione delle Pubbliche amministrazioni le nuove tecnologie offrono straordinarie potenzialità nella sfera dei rapporti fra cittadini e istituzioni, che riguardano le modalità stesse con cui si adottano le decisioni pubbliche e investono dunque le stesse forme della nostra democrazia”. Fico ha così fatto riferimento, in particolare, “alle nuove prospettive di e-democracy che possono consentire il lancio di esperienze innovative di democrazia deliberativa centrate sulla partecipazione attiva ed informata dei cittadini alle decisioni pubbliche”.

Il questionario Corte dei Conti-Team Digitale

Per monitorare lo stato di attuazione del Piano Triennale e i conseguenti investimenti, Corte di Conti in collaborazione con il Team Digitale, guidato da Luca Attias, ha inviato un questionario a 9mila amministrazioni. In occasione dell’incontro con i giornalisti e i manager del Gruppo Digital360, il Team ha dato i primi numeri relativi all’adesione e disegnato una sorta di mappa delle PA più virtuose.

Hanno risposto al quetsionario il 91% degli enti territoriali coinvolti. Sul fronte Spid sono da considerarsi all’avanguardia il Comune di Firenze che ha reso il servizio di iscrizione agli asili nido “Spid-only”; il Comune di Roma che ha effettuato lo switch off di alcune prestazioni e quello di Bolzano. Quest’ultimo è quello dove si sono erogate più identità digitali in rapporto alla popolazione. Aci è best practice per PagoPA, dato che consente di pagare il bollo sul sistema; segue Milano che ha fatto migrare il pagamento di Tari e multe. Gallarate è invece è il primo Comune che applica uno sconto sulla Tari a chi la paga su PagoPA. Infine Anpr: sugli scudi i piccoli comuni di Bagnocavallo e Cesena che sono stati tra i primi a passare sul database nazionale; tra le città più grandi Milano e Torino.

Scarica qui la versione integrale del Referto in materia di informatica pubblica

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4