Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Pagamenti mobili, debutta “Move and pay”

07 Ott 2011

Al via Move and Pay, la piattaforma del Gruppo Intesa Sanpaolo che
consente di effettuare pagamenti con il cellulare. Intesa Sanpaolo
l’ha presentata a Torino durante l’inaugurazione della Filiale
Superflash dedicata agli under 35, autentico laboratorio di servizi
bancari ed extra bancari all’insegna dell’innovazione
tecnologica.

Il Mobile Payment è una novità recente per il mercato italiano,
che potrà cambiare di molto le abitudini dei consumatori
consentendo di pagare con il telefonino le spese quotidiane, dal
caffè del mattino, al giornale, al parcheggio, ai mezzi pubblici,
alla “paghetta” per i figli.

Il progetto di Intesa Sanpaolo si divide in due fasi: da lunedì 10
ottobre sarà attivo il trasferimento di fondi in modalità P2P via
cellulare tramite le carte Superflash. Nella seconda fase – a
fine 2011 – chi possiede una carta Superflash e uno smartphone
abilitato potrà effettuare pagamenti in mobilità presso gli
operatori commerciali convenzionati.

Sono oltre 2.000 gli esercenti convenzionati da Setefi, la società
del Gruppo Intesa Sanpaolo attiva nel mercato dell’acquiring, in
grado di accettare – tramite il circuito MasterCard PayPass –
pagamenti effettuati con il cellulare. Numerosi altri si
aggiungeranno nei prossimi mesi su tutto il territorio nazionale:
per le aziende il Mobile Payment è un settore con grandi
potenzialità. Entrare al supermercato o in un megastore e pagare
con il cellulare semplicemente avvicinandolo al Pos diventerà una
realtà quotidiana, che consentirà un notevole risparmio di tempo
alla cassa.

La piattaforma Move and Pay arriva dopo il lancio nel 2009 della
carta Superflash con funzionalità di conto corrente, la
sperimentazione dei pagamenti contactless che non richiedono
l’inserimento della carta nel Pos nel 2010 ed il recente rilascio
di carte in grado di smaterializzare titoli di trasporto e diritti
di accesso ad eventi. Intesa Sanpaolo prosegue così nel suo
percorso di innovazione per offrire servizi sempre migliori ai suoi
11 milioni di clienti.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link