Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

REPORT

Pay Tv, segnali di tempesta: più abbonati ma perdite in vista per 20 miliardi

Digital Tv Research: in aumento i clienti globali della pay per view, ma si stimano contrazioni nei ricavi entro il 2023 per le top ten dell’industria, messe in scacco dagli over the top e dalle offerte in bundle con i servizi broadband. Le americane le più colpite

24 Apr 2018

Nuvole all’orizzonte per il mercato globale della pay tv nonostante l’aumento di abbonati. Emerge dal rapporto di Digital Tv Research secondo cui entro il 2023 ci saranno nel mondo 84 milioni di clienti in più. Ma questo non si tradurrà in un aumento dei ricavi per i principali operatori, soprattutto quelli Usa, che vedranno scendere le revenue di 18 miliardi di dollari a 183 miliardi.

Le perdite si concentreranno prevalentemente tra i top ten le cui quote passeranno dal 53% del mercato nel 2017 al 48% nel 2023: si stimano -20 miliardi. I big loser sono AT&T e Comcast. Ma sono 168 su 517 gli operatori che perderanno abbonati e ricavi generati dal pay per view tra il 2017 e il 2023.

“La buona notizia è che 15 operatori vedranno crescere i ricavi di 100 milioni di dollari tra il 2017 e il 2023, con China Telecom in rialzo di 1,4 miliardi – dice Simon Murray, Principal Analyst di Digital TV Research -. Tuttavia cinque operatori, di cui quattro statunitensi, perderanno più di 1 miliardo di ricavi”.

Del resto anche la Tv a pagamento in Europa è su un cammino simile. Guadagnerà il 2,6% di abbonati tra il 2017 e il 2023 portando il totale a 106 milioni. Sarà l’Italia a fare la parte del leone della crescita della platea (ci saranno 960mila iscritti in più) insieme alla Spagna e alla Germania: tutti paesi con una penetrazione tradizionalmente bassa della pay. Perderà invece clienti l’UK: 234.000 tra il 2017 e il 2023.

E’ la Tv online a guadagnare quote a scapito della Pay: dopo aver sorpassato la Tv satellitare nel 2015, crescerà di 8 milioni tra il 2017 e il 2023 mentre la satellitare perderà 2 milioni di clienti.

Alcune telco (in special modo Telefonica in Spagna e Canal Plus in Francia) stanno registrando uno “spostamento” di sottoscrittori dalla Tv satellitare ai bundle banda larga-Tv. Spagna e Francia perderanno entrambi 1 milione di clienti di TV satellitare tra il 2017 e il 2023. Sky offrirà presto la sua linea completa di TV satellitare e online. Ci si aspetta che una parte di clienti “satellitari” si convertano alla piattaforma online; con 691.000 minori sottotitoli di TV satellitare a pagamento nel Regno Unito tra il 2017 e il 2023.

La TV satellitare rimarrà la piattaforma di pay TV più redditizia, ma i suoi ricavi stanno diminuendo ogni anno a partire dal 2011. Al contrario i ricavi Iptv aumenteranno del 16% tra il 2017 e il 2023.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

P
pay tv

Articolo 1 di 5