Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

COMPUTER

Pc aziendali, in Europa vincono i portatili. Ma non in Italia

Il lavoro è sempre più mobile: balzo del mercato dei notebook a ottobre; stazionari i desktop. Ma l’Italia si muove più lenta: +18% contro il +35,5% della Germania e il +45,6% della Francia. I dati di Context

07 Dic 2017

patrizia licata

In Europa occidentale continuano a crescere le vendite di Pc per uso professionale e aziendale: è quanto rileva la società di ricerche di mercato Context sulla base dei dati forniti dai maggiori distributori It della nostra regione. Come negli scorsi trimestri, anche l’inizio del Q4 è positivo, con un incremento dell’8% delle vendite complessive di notebook e desktop a ottobre 2017 rispetto a ottobre 2016 , dopo un aumento del 7% nel terzo trimestre e del 10% nel secondo. Ma mentre nei precedenti trimestri le crescita era quasi equamente distribuita nei due segmenti notebook e desktop, a ottobre il traino sono i modelli portatili, che registrano un +29%, mentre le vendite dei computer da scrivania sono rimaste piatte.

I top vendor in Europa occidentale sono, nell’ordine, Hp, Lenovo e Dell e tutti e tre hanno beneficiato del balzo negli acquisti di Pc portatili, cresciuti a ottobre del 32% per la leader di mercato Hp, del 21% per Lenovo e del 64% per Dell.

“Le vendite di workstation sono migliorate durante il 2017 grazie a una serie di fattori”, osserva Marie-Christine Pygott, senior analyst di Context. “Tra questi vi sono l’introduzione di nuovi modelli, il passaggio a prodotti di fascia alta, strategie più mirate da parte dei vendor e la generale migrazione dai computer da scrivania verso quelli portatili”.

A livello geografico, il paese che registra un vero boom di vendite per i notebook è l’Olanda (+62,2% a ottobre), ma hanno fatto molto bene anche Portogallo e Danimarca, con una crescita anno su anno superiore al 57%, mentre in Uk si registra un incremento del 52%. L’Italia si colloca sul versante opposto: è penultima nella classifica dei mercati dell’Europa occidentale con un incremento delle vendite di notebook a ottobre del 18%; sotto di noi si colloca solo il Belgio con l’unico risultato che porta il segno meno (-12,4%). Le economie comparabili alla nostra hanno messo a segno performance decisamente migliori per quanto riguarda le vendite di Pc portatili, con la Spagna a +47,6%, la Francia a +45,6%, la Germania a +35,5%.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
L
patrizia licata
email Seguimi su

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link