COPYRIGHT

Periscope “stoppato” negli Usa: la rivincita della Tv

L’hockey americano lo ha bandito durante le partite. Anche altre organizzazioni si stanno attrezzando per proteggere privacy e diritto d’autore

23 Apr 2015

Arrivano i primi divieti ufficiali per Periscope e Meerkat, le due applicazioni emergenti per il live streaming dallo smartphone: la lega americana di hockey ha proibito esplicitamente l’uso di queste app prima, durante e dopo le competizioni nelle arene. Proprio come fu per i Google glass al cinema e in altri luoghi, alcune organizzazioni cominciano ad attrezzarsi per proteggere privacy e interessi commerciali legati a diritti d’autore.

Qualche giorno fa è diventato un caso la nuova stagione della popolare serie tv il Trono di Spade, il cui primo episodio è stato ‘trasmesso’ in streaming illegalmente da dozzine di utenti su Periscope (l’app lanciata da Twitter) in barba ad accordi di trasmissione e copyright.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Un comportamento che viola di fatto i termini di servizio dell’applicazione in cui c’è scritto che la società “rispetta i diritti di proprietà intellettuale di altri e si aspetta che gli utenti facciano lo stesso”. Dopo questa violazione del copyright sono finiti sotto la lente del microblog una serie di account che rischiano la chiusura.

Per questo la National Hockey League americana (Nhl) ha deciso di vietare ufficialmente a tifosi e operatori media la trasmissione in streaming con Periscope o Meerkat delle partite di hockey cui assistono dal vivo in arena. La Nhl ha infatti un suo account ufficiale su Periscope con oltre 22mila seguaci, quindi è comprensibile che non voglia precludersi eventuali “esclusive” di trasmissione anche su questo fronte emergente.

Argomenti trattati

Approfondimenti

P
periscope
T
twitter