Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Piattaforma web con Anp per innovare la didattica

18 Ott 2013

Una piattaforma web univoca e trasparente, creata da Fondazione Telecom Italia e Anp, che si propone come luogo di apprendimento e scambio tra gli insegnanti, con l’obiettivo di abilitare nuovi modelli didattici e di apprendimento, condividenod in classe strumenti innovativi come ad esempio la Lim (Lavagna Interattiva Multimediale). In questo si concretizza Innovative Design dei processi educativi scolastici, progetto triennale in campo educativo nato nel 2012 e rivolto a 100 docenti selezionati in 97 Istituti distribuiti sul territorio nazionale, rappresentativi di tutte le discipline, i livelli e gli ordini scolastici, presentata oggi da Fondazione Telecom Italia e Associazione Nazionale Dirigenti e Alte Professionalità della Scuola.

“Il progetto – si legge in una nota di Telecom Italia – prende vita da un sentito e non soddisfatto fabbisogno della scuola di un’azione di formazione a realtà scolastiche con competenze digitali non omogenee e con necessità differenti, aventi potenzialità didattiche da rinforzare. C’è poi una realtà istituzionalizzata, un mondo parallelo costituito dagli insegnanti che autonomamente hanno creato blog, forum di discussione e gruppi per condividere informazioni relative alla propria esperienza di uso di strumenti digitali nelle classi. “Innovative Design dei processi educativi scolastici” punta così ad unire queste due realtà, fornendo strumenti tecnologici e metodologici per rendere effettiva l’innovazione didattica e dare visibilità sui risultati a tutti gli interessati”.

“Cento docenti selezionati su tutto il territorio nazionale stanno prendendo parte dallo scorso anno scolastico a cicli di workshop realizzati con metodologie attive – prosegue il comunicato – che hanno periodicamente luogo a Milano, Bologna, Roma e Napoli. In particolare, il lavoro di questi innovatori si svolge in presenza e anche in un ambiente cloud appositamente progettato per la collaborazione a distanza al processo creativo. Obiettivo dei workshop è di fornire agli insegnanti gli strumenti adatti per innovare il proprio approccio didattico, alla luce delle possibilità formative offerte dalle nuove tecnologie; parallelamente, il nuovo metodo viene sperimentato nelle classi con i ragazzi. Attraverso il portale web, i docenti potranno condividere e seguire l’ideazione e la realizzazione dei nuovi modelli di insegnamento nonché di nuovi materiali didattici che utilizzino le tecnologie come strumento principale, come pure partecipare allo sviluppo di nuove forme di condivisione delle competenze e dei saperi”.

“Quando la sfida è motivante i docenti sanno raccoglierla con elevata professionalità” – afferma Giorgio Rembado, presidente Anp – “nonostante le difficoltà crescenti in cui quotidianamente si trovano ad operare nelle nostre scuole, per l’impoverimento progressivo di risorse e per la generale scarsa fiducia nella categoria che si è diffusa in questi anni. Questo convincimento ci spinge da sempre, come associazione, a individuare partner prestigiosi che abbiano intenzione di puntare sulla qualità del sistema formativo per assicurare un’adeguata preparazione alle giovani generazioni”

Secondo Marcella Logli, Segretario Generale di Fondazione Telecom Italia, “In tutti i progetti di Fondazione Telecom Italia c’è la spinta propulsiva offerta dalle nuove tecnologie, intese come fattori abilitanti di crescita, sviluppo ed integrazione per creare modelli di progettualità replicabili. Questo progetto incarna a pieno la nostra visione perché, grazie all’utilizzo di modelli didattici totalmente innovativi, genera valore e progresso per tutto il sistema scolastico nazionale”

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Link

Articolo 1 di 2