STRATEGIE

Pinterest ci riprova e sfida TikTok e Instagram

Social commerce e retail online nei piani di rilancio del nuovo ceo Bill Ready: “Renderemo l’app più attraente e accessibile per utenti, brand e inserzionisti”

12 Ago 2022

L. O.

pinterest

Pinterest rilancia. Dopo un percorso controverso, partito in grande spolvero nel 2010 ma messo alla prova da concorrenti agguerriti come Facebook e poi TikTok, la app tenta nuovamente la scalata del mondo social sulla spinta del neo-Ceo Bill Ready e dell’ingresso nel capitale di Elliott Management che ha fatto salire le azioni della società di oltre il 21%. “Oggi Pinterest occupa una posizione unica negli ecosistemi pubblicitari e dello shopping – dice il Ceo Ready -. Valorizzeremo questo punto di forza rendendo l’app più attraente e accessibile a creatori, marchi e inserzionisti”.

Social commerce al centro della strategia

Il cambio al vertice ha segnato l’avvio un piano di azione più improntato al social commerce e al retail online. “Abbiamo accelerato i nostri investimenti nello shopping e nell’e-commerce in questo trimestre – spiega Ready -. Pinterest è in una posizione unica per affrontare i problemi irrisolti nel nostro settore e sfruttare le tendenze del commercio digitale a lungo termine”.

WHITEPAPER
Punti vendita più efficienti: strumenti, best practice, casi di successo
Fashion
Retail

Quando Pinterest è stato lanciato nel 2010, il suo focus sull’aspetto visivo era unico, poiché altre piattaforme di social media tra cui Twitter e Reddit erano centrate solo sul testo. Ma a differenza di Facebook, la piattaforma di “pin” è stata lenta nel monetizzare gli utenti.

Il debutto in Borsa

La società ha debuttato in Borsa nel 2019 con una valutazione di 10 miliardi di dollari e riscuotendo la fiducia del mercato. Gli utenti sono aumentati nel corso del 2020 e le entrate sono aumentate del 48%, per un totale di 1,7 miliardi di dollari. Ma come per molti altri marchi di e-commerce, il boom della pandemia si è rivelato insostenibile.

Nel corso del 2021, gli utenti di Pinterest sono scesi da 478 milioni a 431 milioni, con un calo di 47 milioni di utenti attivi.

Nonostante una serie di innovazioni (il Creator Fund, la “pin idea”) la società si è scontrata con una ulteriore serie di difficoltà culminata a inizio agosto con la pubblicazione di risultati finanziari deludenti. Tanto da indurre l’azienda a dichiarare, in una lettera agli investitori che “l’ambiente macroeconomico ha creato una significativa incertezza per i nostri partner inserzionisti”.

L’ingresso di Elliott Management

E ora si tenta il rilancio con il nuovo Ceo, ex responsabile dell’unità di e-commerce di Google, un cambio di leadership che indica la volontà di smarcarsi dalla  crisi post-pandemia concentrandosi su e-commerce e vendita online.

Nonostante gli utenti attivi mensili globali siano diminuiti del 5% rispetto all’anno precedente a 433 milioni, Pinterest può contare su una fidelizzazione degli utenti migliore del previsto. Inoltre la notizia che l’ investitore attivista Elliott Management è ora il maggiore azionista ha fatto salire le azioni di Pinterest all’inizio di agosto di oltre il 21%.

“In quanto piattaforma leader di mercato all’intersezione di social media, ricerca e commercio, Pinterest occupa una posizione unica negli ecosistemi pubblicitari e dello shopping – ha detto Elliott – E il Ceo Bill Ready è il leader giusto per guidare la prossima fase di crescita di Pinterest”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

P
Pinterest

Approfondimenti

E
e-commerce
S
social media

Articolo 1 di 4