Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

OVER THE TOP

Pitruzzella: “Sentenze Ue su Google e Apple avranno implicazioni anche in Italia”

Il presidente dell’Antitrust: “E’ in gioco la democrazia. Senza adeguata tutela del copyright online a rischio il sistema dell’informazione. Discplina del diritto d’autore è un punto chiave”

08 Ago 2013

P.A.

Google ed Apple sono sott’inchiesta a livello europeo e le decisioni assunte dalla Commissione operano in tutto il mercato unico, quindi anche in Italia”. Lo dice Giovanni Pitruzzella (nella foto), presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, in un’intervista a Klaus Davi per il quotidiano online Huffington Post.

“Come Antitrust italiana ho sollevato il problema degli ‘over the top’ già l’anno scorso, sottolineando il tema del potere di Google strettamente connesso con la tutela dei diritti d’autore sulla rete. Da costituzionalista mi sta a cuore il pluralismo dell’informazione, un bene fondamentale perché è in gioco il funzionamento della democrazia. Se non c’è un’adeguata tutela del copyright nel web per l’informazione tradizionale, infatti, i giornali potrebbero subire perdite ulteriori – prosegue Pitruzzella – Un danno che li porterebbe fuori dal mercato, sottraendo ai lettori e ai cittadini il valore dell’informazione”.

“Per questo, come ho sottolineato anche in occasione di una segnalazione al Parlamento, ritengo che la disciplina del diritto d’autore sulla rete sia un punto chiave. Ribadisco: ho inoltrato una segnalazione al Parlamento e ho posto il problema in maniera energica. Ho chiesto perché non venga applicato da noi il modello tedesco, che prevede una contribuzione a carico degli over the top, i grandi motori di ricerca, a favore di chi produce contributi editoriali. E’ un tema sul quale sta riflettendo con grande attenzione anche l’Agcom, un tema che ha tre aspetti: il mantenimento del pluralismo dell’informazione, evitare perdite occupazionali e garantire la concorrenza. Abbiamo fatto proposte concrete, e auspico che il Parlamento le prenda in seria considerazione”.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link