Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA MANOVRA

Più investimenti nell’AI: l’appello della maggioranza Lega-5S al governo

In una risoluzione presentata al Senato sulla nota di aggiornamento del Def si chiede di potenziare l’impegno economico pubblico e di stimolare quello privato. Conto alla rovescia per la nomina della task force al Mise

11 Ott 2018

Federica Meta

Giornalista

La maggioranza 5 Stelle-Lega vuole maggiore impegno da parte del governo per promuovere lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. “Potenziamento degli investimenti pubblici e privati nell’intelligenza artificiale e nelle tecnologie strettamente connesse e per dotare il Paese di una rete digitale capillare e tecnologicamente all’avanguardia”: è infatti uno degli impegni della maggioranza M5S-Lega nella risoluzione presentata in Senato sulla Nota di aggiornamento al Def.

E una spinta sarebbe necessaria dato che i numeru parlano di un’Italia arranca sullo sviluppo dell’AI. Secondo un report di Roland Berger si piazza al penultimo posto per numero di startup attive nel settore dell’Intelligenza Artificiale a livello mondiale. Lo studio, che fornisce una panoramica globale, rileva che con solo 22 startup all’attivo, l’Italia occupa la 19esima posizione nella classifica dei Top 20 Paesi al mondo per numero di startup nel settore dell’Intelligenza Artificiale. Gli Stati Uniti dominano la classifica con 1.393 startup all’attivo. A seguire la Cina in seconda posizione con 383 startup, Israele con 362, UK e Canada chiudono la Top 5 rispettivamente con 245 e 131 startup.

Il motivo del ritardo? La presenza – secondo Roland Berger – di un sistema scolastico e di un mondo del lavoro tradizionale non incentivano la cultura dell’assunzione del rischio o, ancora, dell’eventuale sconfitta vista come risorsa per ripartire con maggiore forza e consapevolezza.

Eppure l’intelligenza artificiale è una tecnologia in grado di guidare la crescita economic, come evidenzia un report McKinsey: l’adozione diffusa delle tecnologie basate sull’intelligenza artificiale contribuirà a una crescita del prodotto interno loro a livello globale pari a 13mila miliardi di dollari entro il 2030, per una crescita pari a circa l’1,2% medio annuo.

Il governo intanto qualche passo lo sta muovendo verso la definizione di una strategia nazionale sull’AI:  “Il ministero dello Sviluppo Economico ritiene priorità fondamentale per il nostro Paese conoscere, approfondire e affrontare il tema dell’Intelligenza artificiale – spiegano dal Mise – nonché aumentare gli investimenti pubblici e privati in tale direzione e nelle tecnologie strettamente connesse alla stessa”.

Il Mise ha pubblicato una call per selezionare la task force che avrà il compito di supportare il governo nell’elaborazione della strategia nazionale sull’intelligenza artificiale (le candidature sono apere fino al 14 ottobre 2018). Il gruppo di alto livello sarà composto di 10 membri esponenti del mondo imprenditoriale o delle associazioni di categoria di riferimento che operano in ambito AI; 10 esponenti di organismi e centri di ricerca, del mondo accademico o think-tank; 10 esponenti delle organizzazioni sindacali, del terzo settore, dei consumatori o, in generale, della società civile; 10 rappresentanti Mise.

Una volta messa nera su bianco, la strategia nazionale sarà sottoposta a consultazione pubblica.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

D
Def
I
intelligenza artificiale
M
mise

Articolo 1 di 5