LE NOMINE

Politica industriale “data driven”: il Mise chiama due esperte dell’Enea

Nella task force arrivano Valentina Feliziani, economista e responsabile del servizio Gestione economica e previdenziale dell’ente e Rossana Cotroneo, ricercatrice dell’unità Management Progetti di Innovazione della divisione Sviluppo Tecnologico

17 Gen 2022

F. Me.

Il governo accelera sulla PA data driven e sceglie due esperte dell’Enea per la task force che il Ministero dello Sviluppo Economico ha istituito per rendere più efficace la politica industriale in Italia.

Dopo una selezione sono state nominate tra i 10 componenti Valentina Feliziani, economista e responsabile del Servizio Gestione economica e previdenziale dell’Enea, e Rossana Cotroneo, ricercatrice dell’Unità Management Progetti di Innovazione della Divisione Sviluppo Tecnologico Enea.

Rossana Cotroneo è laureata in Scienze Statistiche con dottorato su tematiche legate allo sviluppo sostenibile e ai servizi ecosistemici. Docente a contratto presso l’Università degli Studi della Tuscia e l’Università degli Studi di Verona, si è occupata della realizzazione di analisi e indagini in campo ambientale e sociodemografico all’interno del Piano Statistico Nazionale. In qualità di esperta in analisi statistiche e tecniche di machine learning, per Enea si occupa della valutazione dei progetti di ricerca ed è membro della Task Force “Bologna Big Data Technopole”.

Valentina Feliziani, laureata in Economia e Commercio e dottore di ricerca in Economia e metodi quantitativi, insegna discipline economiche nei corsi di laurea alla Sapienza Università di Roma e post lauream all’Università degli Studi Roma Tre. Con un post-doc in Economia, due master di II livello in Economia pubblica ed Economia e Ingegneria dell’ambiente e del territorio, è autrice di numerosi lavori su temi di politica economica, valutazione dei progetti pubblici, economia della cultura e del turismo; ha condotto studi e ricerche per enti pubblici e privati e maturato esperienza come coordinatrice di progetti europei.

“Il nucleo di esperti sarà uno strumento importante per fornire indicazioni e priorità anche attraverso l’elaborazione, l’analisi e la sintesi di dati – spiega Rossana Cotroneo – Sarà necessario individuare i settori industriali di punta, quelli che richiedono investimenti nel medio e lungo periodo, aumentando gli investimenti in ricerca e sviluppo nei settori innovativi ed eliminando le barriere all’ingresso”.

La task force porterà avanti studi nei settori delle attività produttive, predisponendo analisi e valutazioni a supporto degli organi di indirizzo politico e formulando proposte per la definizione di indirizzi, misure e incentivi nei diversi ambiti della politica industriale.

“Le risorse del Pnee rappresentano un’importante occasione per l’industria nazionale di guidare l’innovazione, il cambiamento tecnologico e affrontare eventuali crisi”, commenta Valentina Feliziani.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

E
Enea
M
mise

Approfondimenti

P
politica industriale

Articolo 1 di 2