Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

I NUOVI SERVIZI

Poste allarga gli orizzonti: accordo con Moneyfarm per il risparmio in digitale

L’Ad Del Fante: “Puntiamo a cogliere appieno le opportunità del mercato”. Gestione patrimoniale in Etf con 7 linee di investimento

26 Set 2019

Enzo Lima

Poste Italiane mette a segno un altro importante colpo in quanto a strategie per il digitale. L’azienda guidata da Matteo Del Fante aggiunge infatti al suo “portfolio” anche i servizi di investimento digitali grazie all’accordo appena siglato con Moneyfarm, società di gestione digitale del risparmio, specializzata in portafogli in Etf, operativa in Italia, Regno Unito e Germania (dove ha di recente avviato le attività, sviluppando una soluzione di investimento in joint venture con Allianz).

“La nostra strategia per i servizi finanziari basata sul piano Deliver 2022 è centrata su un’offerta di prodotti destinata a diventare un punto di riferimento unico per i nostri 35 milioni di clienti. Grazie all’architettura modulare e flessibile della nostra piattaforma tecnologica, siamo in grado di integrare player innovativi come Moneyfarm per sviluppare ulteriormente la nostra piattaforma multicanale del risparmio gestito, per meglio soddisfare le esigenze delle diverse fasce di clientela – commenta Matteo Del Fante, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane -. L’interazione con i clienti è fondamentale nell’evoluzione dei servizi finanziari digitali e credo che Poste Italiane disponga del mix ideale tra attività fisiche e digitali per poter cogliere appieno le opportunità offerte dal mercato”.

“Questo accordo di open innovation rappresenta un’importante pietra miliare per Moneyfarm. Il valore del nostro modello, che coniuga tecnologia e competenze umane (modello ibrido) ha ricevuto oggi un importante riconoscimento”, dice da parte sua Giovanni Daprà, Amministratore Delegato di Moneyfarm. E secondo Paolo Galvani, Presidente di Moneyfarm, “l’accordo rappresenta un passo importante per l’innovazione del sistema del risparmio gestito italiano e sarà di stimolo per una rinnovata attenzione alle esigenze dei clienti”.

Cosa prevede l’accordo Poste-Moneyfarm

In dettaglio, l’accordo prevede che Poste Italiane distribuisca un servizio di gestione patrimoniale in Etf con 7 linee di investimento (due delle quali sviluppate esclusivamente per i clienti di Poste Italiane). I portafogli saranno gestiti conformemente alla filosofia di Moneyfarm, che si fonda su asset allocation strategica, diversificazione, orizzonte di lungo termine ed efficienza di costo.

Moneyfarm si occuperà della definizione e della gestione del portafoglio di investimento più adatto per ogni investitore. Poste Italiane si occuperà dell’assistenza alla clientela e del Crm, per garantire la migliore esperienza durante tutto il processo.

Open innovation, via all’integrazione Api

Stando a quanto rendono noto le due aziende la partnership rappresenta uno dei maggiori accordi basati su integrazione Api (Application Program Interface) nel settore del risparmio gestito europeo in termini di base clienti, basandosi su un sistema di open innovation, che coniuga la tecnologia innovativa di Moneyfarm con le caratteristiche di modularità e flessibilità dell’ecosistema digitale di Poste Italiane. Inoltre, la profilazione dei clienti, la definizione dei nuovi portafogli di investimenti e il monitoraggio in tempo reale della performance in ogni momento sono interamente digitali.

Aumento di capitale per 40 milioni

Poste ha anche sottoscritto un contratto con Mfm Holding Ltd (“Moneyfarm Holding”) che prevede un aumento di capitale da parte di quest’ultima per un valore di circa 40 milioni di euro mediante l’emissione di Azioni di Categoria C che saranno sottoscritte da Poste Italiane, in qualità di lead investor, e da Allianz Asset Management GmbH (che attualmente è l’azionista di minoranza di riferimento di Moneyfarm Holding). L’operazione di collocamento privato sarà portata a termine entro la fine del 2019, previe le necessarie autorizzazioni delle autorità di vigilanza, e consentirà a Poste di acquisire una partecipazione di minoranza in Moneyfarm Holding Ltd.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5