Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

SERVIZI

Amazon si dà (anche) alle consegne. A rischio il business di Poste?

Il colosso dell’e-commerce pronto a battezzare “Shipping with Amazon”, partendo da Los Angeles. Una notizia che certo non farà piacere all’azienda italiana. Del Fante ha già sollevato la questione del rischio ‘posizione dominante’. Tavoli tecnici in corso

09 Feb 2018

F. Me

Amazon si dà alla consegne in Usa e il mercato trema. Secondo il Wall Street Journal, il colosso guidato da Jeff Bezos sarebbe pronto a battezzare un proprio servizio di spedizioni, denominato “Shipping with Amazon” (Swa), entrando direttamente in concorrenza con giganti come FedEx e Ups. L’intenzione, dice il quotidiano, è di avviare il servizio a Los Angeles nelle prossime settimane per poi estenderlo ad altre città entro l’anno in corso. Un portavoce del gruppo si è limitato a spiegare al Wsj che la società “è sempre impegnata nell’innovazione e nella sperimentazione per i clienti e per le aziende che vendono e crescono su Amazon per creare opzioni di consegna più veloci e a costi più bassi”.

Il ruolo che Amazon potrebbe ricoprire nel mercato dei servizi di consegna preoccupa anche l’Italia. In occasione del ventennale Agcom, l’Ad di Poste Italiane Matteo Del Fante ha ricordato la necessità di prestare maggiore attenzione al ruolo che Amazon svolge nel settore dei servizi postali. “Negli ultimi mesi c’è un’attenzione particolare a un over the top che Poste e altri operatori del settore stanno accompagnando nella consegna di un numero crescente di pacchi nel nostro Paese -ha detto il manager – Basti pensare che a dicembre la nostra azienda è riuscita a consegnare tre volte i volumi del dicembre 2016. Si pone un tema di medio termine perché con volumi importanti di crescita questi signori stanno acquisendo una posizione di mercato dominante”.

“Nelle nostre conversazioni con Amazon ci dicono ‘sì, vi diamo più pacchi da consegnare, vi aiutiamo a sviluppare la vostra rete, ma è come se foste la rana che ci accompagna ad attraverso questo fiume e noi siamo lo scorpione che vi pungerà’ – ha spiegato – Sentirsi come la rana non è proprio una bella sensazione. Ci sono tavoli tecnici aperti con loro per capire l’assetto”. Del Fante ha spiegato che in Italia “siamo indietro 3-4 anni nello sviluppo del modello Amazon rispetto al resto d’Europa”: “la crescita per quell’over the top e altri sarà molto significativa ed è un tema su cui dovremo riflettere”.

 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti sono chiusi.

LinkedIn

Twitter

Whatsapp

Facebook

Google+

Link