IL BILANCIO 2021

Poste, e-commerce e pagamenti digitali spingono i conti

Le transazioni con carta hanno raggiunto quota 2 miliardi, in aumento del 29% e quelle nello shopping online 520 milioni, in crescita del 31%. Registrati ricavi da pacchi per 1,4 miliardi a +21%, supportati da volumi record nel segmento B2C. L’Ad Matteo del Fante: “Superati gli obiettivi del Piano Strategico 24SI”

23 Mar 2022
Matteo Del Fante Amministratore Delegato Poste Italiane (1)

Pagamenti, mobile e e-commerce spingono i conti di Poste Italiane.

Nel 2021 i pagamenti con carta hanno raggiunto quota 2 miliardi (+29% rispetto al 2020) e le transazioni con carta nell’e-commerce sono cresciute del 31% a 520 milioni, con un incremento delle attività sui canali digitali di Poste. Nel 2021 gli e-wallet digitali hanno raggiunto quota 9,1 milioni (+23,4% rispetto al 2020), grazie al maggiore utilizzo della app Postepay; servizi di telecomunicazione solidi grazie a una base di clienti fedele.

In forte crescita anche i ricavi da pacchi che si sono attestati su 1,4 miliardi (+21%), supportati da volumi record nel segment B2C nel primo semestre del 2021, superando gli obiettivi previsti nel Piano Strategico “24SI”.

Complessivamente Poste Italiane ha realizzato risultati al di sopra degli obiettivi del piano “24SI” e ha chiuso l’anno con un utile netto record in crescita del 31% a 1,6 miliardi di euro. I ricavi sono risultati in crescita del 6,6% a 11,2 miliardi. Il risultato operativo è salito del 21,1% a 1,8 miliardi, nella parte alta della guidance già rivista al rialzo.

Alla luce di questi risultati, l’azienda intende proporre un aumento del dividendo da 0,486 euro per azione dell’anno precedente a 0,59 euro per azione quest’anno, anticipando il dividendo per azione originariamente previsto per il 2022.

“La trasformazione industriale iniziata con il piano “Deliver 2022” e proseguita con il Piano “24SI” ha permesso di migliorare le performance dell’azienda, facendo leva sulla piattaforma di distribuzione omnicanale integrata del Gruppo – spiega l’Ad Matteo Del Fante – Forti dei risultati conseguiti sul mercato dei pacchi, stiamo ora diversificando la nostra attività per diventare un operatore logistico ad ampio raggio, anche attraverso opzioni di crescita inorganica quali l’acquisizione di Plurima, focalizzata sulla nuova nicchia di mercato della logistica ospedaliera in rapida espansione”.

“I nostri nuovi canali abilitati su digitale e il network Business to Business to Consumer sostengono una solida crescita di ulteriori ricavi – prosegue – Abbiamo raggiunto una media di 20 milioni di interazioni giornaliere, principalmente provenienti dai tutti i nostri nuovi canali, tra cui la rete PuntoPoste, a dimostrazione dell’enorme potenziale che la nostra base clienti può garantire per il futuro”.

“Recentemente abbiamo lanciato nuove iniziative strategiche, che ci consentono di rivedere al rialzo i nostri obiettivi per il 2022 – conclude – Abbiamo firmato un accordo per acquisire il 100% di Lis al fine di consolidare la nostra crescita nel business dei pagamenti di prossimità e rafforzare l’offerta di acquiring e di prodotti per le Pmi, in linea con la strategia omnicanale integrata al centro del nostro Piano.
Abbiamo dimostrato di saper affrontare e superare con successo scenari di stress e siamo convinti di essere in condizioni migliori rispetto al mercato per far fronte alla situazione attuale”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

M
matteo del fante

Aziende

P
poste italiane

Approfondimenti

E
e-commerce
P
pagamenti digitali

Articolo 1 di 3