Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

STRATEGIE

Poste spinge il dominio .post

L’ad Massimo Sarmi sigla un accordo con Poste Maroc e banca postale Al Barid per allargare il network di relazioni nel Mediterraneo in vista del lancio di una piattaforma comune per e-commerce e pagamenti virtuali

28 Nov 2012

P.A.

Massimo Sarmi, amministratore delegato di Poste Italiane, spinge sull’acceleratore per fare del dominio “.post” lanciato un mese fa a Doha, un hub di monetica e e-commerce nell’area mediterranea. Lo scrive il Corriere della Sera, aggiungendo che Sarmi ha siglato un accordo con Poste Maroc e banca postale Al Barid per spingere i rapporti sul terreno dei pagamenti, dei trasferimenti e delle rimesse virtuali fra i due paesi.

Accordi analoghi sono stati siglati con il Vaticano e con Malta. E fanno seguito ad una serie di accordi già in essere con altri paesi dell’area mediterranea, a partire dall’Egitto, passando per il Libano, l’Algeria, la Slovenia, la Croazia e l’Albania.

La strategia di Poste è il prossimo lancio della piattaforma di prepagate, che aprono ai pagamenti virtuali, denominata Euromed che funzioni anche da piattaforma di e-commerce.
Il dominio .post è stato rilevato da Poste Italiane lo scorso mese di settembre, nell’ambito del rilascio di nuovi domini da parte dell’Icann, la società no profit americana che gestisce i suffissi del web.

Argomenti trattati

Approfondimenti

I
icann
P
poste italiane