Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PROGETTO

Prestiti via blockchain: la prima mondiale di Bbva e Indra

Completato con successo un progetto per la negoziazione e la firma di un finanziamento corporate da 75 milioni. Più trasparenza e tracciabilità nel contratto

26 Apr 2018

F. Me

I prestiti erogati via blockchain diventano realtà. Bbva e Indra hanno completato con successo il primo progetto al mondo mirato a semplificare la negoziazione e la firma di una linea di finanziamento corporate mediante l’utilizzo della tecnologia blockchain.

Il test pilota ha consentito di erogare un prestito di 75 milioni di euro utilizzando una soluzione sviluppata da Bbva basata sulle Distributed Ledger Technology (Dlt) in grado di soddisfare le esigenze di segmenti di mercato finora poco digitalizzati, come i finanziamenti alle imprese. Il progetto è stato realizzato da Indra per la banca tramite la sua business unit Minsait.

Fino ad ora il processo di concessione dei prestiti alle imprese è sempre stato lungo e complesso, con numerose interazioni tra banca e cliente. Durante queste operazioni si verificano molti variazioni, che richiedono una verifica continua e un grande impegno. Il test copre l’intero processo, dalla negoziazione alla firma del prestito, consentendo a Bbva di sfruttare i vantaggi offerti dalla tecnologia blockchain.

La tecnologia blockchain  apporta importanti miglioramenti a questo processo, come dimostrato in questo primo progetto sul prestito corporate. Da un lato, la tecnologia Dlt garantisce la trasparenza e la tracciabilità del contratto: sia Indra che Bbva hanno potuto consultare e verificare autonomamente e in ogni momento lo stato del contratto e le sue condizioni. E, d’altra parte, questo sistema digitalizza anche il processo di negoziazione, portando i tempi di gestione da giorni a ore. L’innovazione, in questo caso, oltre al prodotto sviluppato (prestito corporate), consiste anche nell’utilizzo di diverse piattaforme blockchain coinvolte nel processo.

“Bbva sta coinvolgendo i suoi clienti nella definizione, sviluppo ed esecuzione di progetti – spiega Ricardo Laiseca, responsabile Global Finance nell’area Corporate & Investment Banking della banca –  In questo modo, Bbbva mette a disposizione dei propri clienti non solo le migliori soluzioni finanziarie, ma anche le più avanzate capacità tecnologiche e di innovazione”.

La negoziazione e la chiusura delle condizioni di negoziazione sono state sviluppate su una soluzione basata sulla tecnologia blockchain privata (Hyperledger).

Il funzionamento prevede che una volta che il contratto è stato concordato, la blockchain pubblica di Ethereum (testnet) sia utilizzata per registrare l’hash, l’identificatore univoco del documento correlato all’operazione. In questo modo viene garantita l’immutabilità del contratto concordato, in quanto ogni modifica dello stesso genererebbe un “hash” completamente diverso.

In Indra, siamo all’avanguardia nella creazione di soluzioni applicative in tecnologia blockchain per i nostri clienti, tecnologia che è destinata a diventare uno dei fattori che cambieranno il modo in cui interagiamo con prodotti e servizi finanziari – afferma Borja Ochoa, direttore dei servizi finanziari di Indra – Questo ci ha permesso di essere protagonisti della prima operazione di prestito corporate basata su tecnologia blockchain al mondo. Questa operazione rafforza la posizione di Bbva e di Indra come leader nel settore”.

Bbva e Indra fanno parte dei principali consorzi internazionali che cercano la creazione di standard come R3, Hyperledger, Enterprise Ethereum Alliance o l’Alastria.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

B
bbva
B
Blockchain
I
Indra
M
Minsait

Articolo 1 di 5