Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Primo sistema operativo per cloud computing

22 Apr 2009

VMware Inc. (NYSE: VMW), leader mondiale nelle soluzioni di
virtualizzazione dal desktop al data center, ha annunciato VMware
vSphere 4, il primo sistema operativo che permette di creare cloud
interni e distribuire l’IT come servizio ottenendo il massimo di
efficienza, flessibilità e affidabilità. Con le sue molteplici
funzionalità innovative, VMware vSphere 4 porta il cloud computing
in azienda con un percorso evolutivo ed esente da discontinuità,
che garantisce massimo controllo e livelli di efficienza più
elevati salvaguardando al tempo stesso la libertà di scelta dei
clienti.

Man mano che la complessità degli ambienti cresce, una gran parte
del budget IT viene destinato al solo mantenimento dello status
quo. Le aziende ripongono forti speranze nel cloud computing in
tema di possibili benefici, ma faticano ad identificare il percorso
che può portarli a raggiungerlo. Grazie a VMware vSphere 4, ora i
clienti possono compiere concreti passi avanti verso il cloud
computing all’interno dei propri ambienti IT. Con questi cloud
privati i dipartimenti IT trovano infatti la modalità più
semplice per distribuire le risorse di elaborazione per diminuire i
costi e migliorare la flessibilità, permettendo di rispondere più
velocemente ad esigenze di business in continua evoluzione.

VMware vSphere 4 è in grado di aggregare e gestire in modo
completo estesi gruppi di infrastrutture – processori, risorse
storage e di rete – come se fossero un unico ambiente operativo
trasparente, flessibile e dinamico. Ogni applicazione, sia essa
un’applicazione enterprise esistente o di nuova generazione,
viene eseguita su VMware vSphere 4 con maggiore efficienza e nel
pieno rispetto dei livelli di servizio. VMware vSphere porta la
potenza del cloud computing nel data center a beneficio delle
imprese che non soltanto tagliano i costi IT ma aumentano
sensibilmente la reattività dei sistemi IT. Ai provider di servizi
di hosting VMware vSphere offre un percorso più economico ed
efficiente per fornire servizi cloud compatibili con le
infrastrutture cloud interne dei clienti. Nell’implementazione
dei prossimi passi della propria strategia VMware andrà a
supportare la federazione dinamica tra cloud interne ed esterne,
permettendo di realizzare ambienti cloud “privati” distribuiti
su più datacenter e/o fornitori di cloud.

“Da quando abbiamo inventato la virtualizzazione per i sistemi
x86 dieci anni fa, abbiamo collezionato una serie impressionante di
primati sul mercato – il primo hypervisor, le prime funzionalità
vMotion, che ora sono considerate sinonimo di VMware, la prima
piattaforma in grado di riunire server, storage e capacità di rete
– permettendo così ai clienti di ridurre i costi fissi ed
operativi dell’IT fino al 60-70%”, spiega Paul Maritz,
presidente e CEO di VMware, “VMware vSphere è l’ulteriore
evoluzione di questo percorso di innovazione. Offrendo alle
organizzazioni IT un percorso evolutivo verso il cloud computing,
guidiamo i nostri clienti su una strada che porta valore ad ogni
passo, offrendo già oggi un’ulteriore riduzione dei costi del
30%, ed al tempo stesso permettendo all’IT di offrire servizi IT
affidabili ed adattabili.”

FICO, fornitore leader di tecnologia di analisi e decision
management per le più importanti banche e società finanziarie del
mondo, ha commentato in questo modo l’impatto positivo che VMwae
vSphere avrà sull’efficienza del business aziendale.

“Siamo un player critico nell’ecosistema dei servizi finanziari
globali, e necessitiamo di flessibilità e standard che permettano
di estendere i limiti delle nostre risorse IT, tendenzialmente
verso l’infinito”, aggiunge Christopher Rence, CIO di FICO.
“Con VMware vSphere alla base della nostra iniziativa di cloud
computing, siamo in grado di offrire una piattaforma unificata che
abiliti le più importanti istituzioni finanziarie del mondo a
prendere decisioni efficaci ed informate in ogni momento del ciclo
di vita del loro cliente.”

VMware vSphere 4: efficienza, controllo e libertà di scelta senza
eguali
VMware vSphere 4 estende la piattaforma VMware precedente – VMware
Infrastructure 3 – rispetto a tre direttrici principali: offre
l’efficienza e le prestazioni necessarie per eseguire
applicazioni business-critical all’interno di ambienti
distribuiti; garantisce il massimo controllo sui livelli di
servizio delle applicazioni e salvaguarda la libertà di scelta dei
clienti in termini di hardware, sistema operativo, architettura
applicativa e luogo – esterno o interno – dove fisicamente
alloggiare le applicazioni.

Efficienza. La riduzione dei costi dei servizi IT è uno dei
vantaggi del cloud computing più apprezzati dai clienti, che
possono così liberare risorse finanziarie da destinare ad
attività a maggior valore aggiunto, che possano differenziare
strategicamente l’impresa. VMware vSphere 4 consente risparmi
nelle spese di capitale e nelle spese operative ancora più elevati
rispetto alla precedente piattaforma:
• Un 30% di aumento nei tassi di consolidamento, a ridurre ancora
i costi d’infrastruttura per singola applicazione.
• Fino al 50% di risparmi sullo storage con VMware vStorage Thin
Provisioning che riduce al minimo il sovradimensionamemto dello
storage, facendo in modo che le macchine virtuali consumino risorse
solo se necessario. Ad esempio, considerando tutti i clienti di
VMware vSphere ed il loro risparmio di storage, sarebbe possibile
memorizzare 50 volte la quantità di immagini attualmente inserite
su Facebook.
• Fino al 20% di ulteriore riduzione sui costi di alimentazione e
raffreddamento con VMware Distributed Power Management che utilizza
la tecnologia VMware VMotion per collocare automaticamente tutte le
macchine virtuali sul minor numero possibile di server fisici,
senza compromettere i livelli di servizio e spegnendo le macchine
fisiche non necessarie. Con i risparmi energetici ottenuti in un
anno da tutti i clienti VMware vSphere 4 utilizzando VMware
Distributed Power Management si potrebbe rifornire di energia per
10 giorni un Paese grande come la Danimarca.

TradeBeam, fornitore globale di soluzioni di supply-chain
management on-demand, ha usato la versione beta di VMware vSphere e
prevede che questa piattaforma possa incrementare ulteriormente il
vantaggio competitivo dell’azienda.

“Il cloud computing per noi è il futuro, e VMware vSphere è la
piattaforma ideale per costruire il nostro cloud interno”, spiega
Nasser Mirzai, IT Director di TradeBeam. “Nel nostro settore,
ogni vendita richiede un proof of concept che può essere lungo e
costoso se si utilizza un’infrastruttura dedicata. Con un cloud
interno costruito su VMware vSphere, saremo in grado di fornire
questa infrastruttura sotto forma di servizio ai nostri team
commerciali e prospect. Saranno in grado di richiedere
l’infrastruttura di cui necessitano attraverso un semplice
portale web e riceverla on-demand, con livelli di servizio
garantiti e costi più bassi. Questo significa che il prospect può
essere pronto e funzionante in un giorno anziché in due settimane:
il contatto commerciale rimane più fresco e la percentuale di
successi aumenta, a fronte di una riduzione dei costi di
vendita.”

Prestazioni e scalabilità per cloud privati virtuali al 100%
VMware vSphere offre miglioramenti notevoli a livello di
prestazioni e scalabilità per consentire l’esecuzione nei cloud
privati anche di applicazioni che fanno un uso estremamente
intensivo delle risorse, come ad esempio grandi database o
Microsoft Exchange. Con tali miglioramenti di prestazioni e
scalabilità, vSphere traduce in realtà il concetto di cloud
privato virtualizzato al 100%.
VMware vSphere offre macchine virtuali più potenti con:
2 volte il numero di processori per macchina virtuale (da 4 a
8)
2,5 volte più schede di rete per macchina virtuale (da 4 a 10)
4 volte più memoria per macchina virtuale (da 64 GB a 255 GB)
3 volte maggiore throughput di rete (da 9 Gb/s a 30Gb/s)
3 volte maggior numero di operazioni I/O registrate al secondo
(fino ad oltre 300.000)
Nuovo massimo di transazioni registrate al secondo – 8.900, vale a
dire 5 volte il traffico totale dei pagamenti sulla rete VISA
mondiale
• Miglioramenti prestazionali ottenuti per alcune applicazioni
specifiche:
Miglioramento del 50% nelle prestazioni per i carichi di lavoro
associati allo sviluppo di applicazioni
Miglioramento del 30% nelle prestazioni per Citrix XenApp

BayScribe, fornitore leader di servizi di trascrizione, che
supporta oltre 50.000 medici negli Stati Uniti e realizza oltre
500.000 trascrizioni di rapporti al mese, ha commentato le
migliorate prestazioni applicative di VMware vSphere 4.

“Abbiamo utilizzato la beta di VMware vSphere 4, ed anche in
questo stadio non finale abbiamo sperimentato una grande
accelerazione delle prestazioni rispetto a VMware Infrastructure
3”, dice Steve Bonney, Vice President of Business Development di
BayScribe. “A seguito di ciò, stiamo pensando di trasferire il
database di produzione della nostra più importante applicazione in
termini di fatturato in una macchina virtuale su vSphere, in modo
da poter sfruttare le caratteristiche di disponibilità, sicurezza
e scalabilità integrate in vSphere 4.”

• VMware vSphere 4 offre la capacità di aggregare un gran numero
di macchine virtuali e grandi quantità di infrastrutture fisiche
in un unico pool di risorse logiche, o “impianti di
elaborazione” su un livello di cloud, a creare “il mainframe
del 21° secolo”. vSphere 4 consente di raggruppare fino a:
32 server fisici con un massimo di 2.048 processori
1.280 macchine virtuali
32 TB di RAM
16 petabyte di storage
8.000 porte di rete

Controllo. VMware vSphere 4 consente di controllare in modo
efficiente le operazioni di questi potentissimi “impianti di
elaborazione” con nuove funzioni di gestione su vasta scala, come
VMware Host Profiles e VMware vNetwork Distributed Switch che
semplificano e standardizzano l’impostazione dei parametri di
storage, rete e sicurezza server ed automatizzano la gestione delle
configurazioni per ridurre possibili problemi derivanti da errori
di configurazione. In un ambiente di 100 host virtuali, queste
nuove funzioni di gestione consentono di risparmiare
l’equivalente di 25 settimane, o sei mesi, di tempo agli
amministratori di sistema, con una conseguente significativa
riduzione dei costi operativi.

VMware vSphere 4 offre un controllo senza precedenti sui livelli di
servizio delle applicazioni garantendo per ciascuna di esse il
giusto grado di disponibilità, sicurezza e scalabilità,
indipendentemente dal sistema operativo o dall’architettura
applicativa. Tutte le nuove funzionalità per i livelli di servizio
delle applicazioni sono configurabili con un click del mouse e, una
volta impostati, non richiedono altri interventi a tutto vantaggio
della facilità di gestione e della ulteriore riduzione dei costi
operativi del data center.
• La protezione da guasti hardware con zero downtime e zero
perdita di dati da garantita da VMware Fault Tolerance evita i
costi e la complessità delle soluzioni alternative.
• Downtime pianificati ridotti al minimo grazie a migrazione e
manutenzione dello storage grazie a VMware Storage VMotion, ora
dotato di una nuova interfaccia di amministrazione che consente la
migrazione in tempo reale dei file disco delle macchine virtuali su
tipologie di storage di rete eterogenee.
• Backup e ripristino rapido, semplice, integrato ed economico
per tutte le applicazioni con VMware Data Recovery.
• Conformità normativa più semplice e rigorosa con VMware
vShield Zones che agevola la sicurezza entro le aree logiche di un
ambiente condiviso facendo rispettare le policy di protezione
aziendali a livello delle singole applicazioni, mantenendo la
segmentazione per affidabilità e rete degli utenti e dei dati
sensibili
• Gestione semplificata dei livelli di servizio delle
applicazioni con VMware vApp, una modalità standard per
incapsulare tutti i componenti di un’applicazione e descriverne i
requisiti in termini di risorse di calcolo e memoria.

Southwestern Energy Company, fornitore integrato di energia
specializzato nella ricerca e produzione di gas naturali, utilizza
VMware Fault Tolerance.

“VMware Fault Tolerance è estremamente utile”, spiega Larry C.
Miller Jr., Senior Systems Administrator di Southwestern Energy.
“Si tratta di un’aggiunta benvenuta al nostro sistema di
tecnologie ad alta disponibilità, perché rende davvero
accessibili funzionalità prima molto avanzate, costose e
complesse. VMware Fault Tolerance può essere attivata e
disattivata con un click del mouse, mantenendo la protezione delle
applicazioni da blocchi hardware.”

Libertà di scelta. Con VMware vSphere 4 i clienti mantengono la
loro libertà di scelta e indipendenza da hardware, sistemi
operativi, stack applicativi e provider di servizi. VMware vSphere
4 offre la più ampia scelta possibile di sistemi operativi guest
rispetto ad ogni altra soluzione di virtualizzazione presente sul
mercato. Questo significa che i clienti possono supportare le
applicazioni esistenti ed essere tranquilli per quelle future,
mantenendo la scelta di implementarle su cloud interni o
esterni.

“I sistemi operativi tradizionali, pesanti e monolitici, hanno i
giorni contati”, dice Chris Wolf, Senior Analyst di Burton Group.
“Le piattaforme server sono ora costruite appositamente per
gestire carichi di lavoro virtuali, e molti dei task
tradizionalmente associati ai sistemi operativi stanno passando ad
infrastrutture esterne o interne basate su cloud. Le aziende che
intendono ottenere i vantaggi operativi e finanziari legati
all’IT basata su cloud possono farlo oggi, implementando un
software infrastrutturale su misura per il cloud in grado di
ottimizzare le attività dei data center interni, offrendo comunque
un gateway per espansioni future dei cloud.”

Qualcomm, azienda leader nello sviluppo ed erogazione di innovativi
prodotti e servizi di comunicazione digitale wireless, ha
apprezzato la flessibilità che VMware vSphere 4 può offrire al
proprio business.

“VMware ci garantisce da anni riduzioni di costi ed incrementi
dell’efficienza”, commenta Paul Poppleton, IT Architect di
Qualcomm. “Con VMware vSphere possiamo sfruttare al meglio le
implementazioni virtuali che già abbiamo ed ottenere ulteriori
vantaggi economici grazie a una strategia di cloud interni. Come
leader nella virtualizzazione, VMware è nella migliore posizione
per poterci aiutare ad automatizzare ed ottimizzare la nostra
infrastruttura a supporto delle necessità di business,
all’interno ed all’esterno dell’azienda.”

Prezzi contenuti per versioni in grado di soddisfare ogni
esigenza
VMware vSphere 4 sarà resa disponibile nel corso del secondo
trimestre 2009 e sarà proposta in sei diverse edizioni per venire
incontro alle esigenze, ai casi d’uso e ai budget di clienti di
ogni dimensione e settore. VMware vSphere offre ai clienti un
valore che non teme confronti grazie a rapporti di consolidamento
incrementati fino al 30%, risparmi di storage fino al 50% e
risparmi energetici fino al 20%.
• Nella fascia di prezzi più bassa, VMware vSphere 4 Essentials
offre una soluzione all-in-one per la virtualizzazione degli
ambienti IT più ridotti.
• VMware vSphere 4 Essentials Plus aggiunge funzioni di alta
disponibilità e protezione dati che rende disponibili anche ad
aziende di piccole dimensioni. VMware vSphere 4 Essentials Plus è
l’unica soluzione di virtualizzazione che integra alta
disponibilità, protezione dati e gestione delle patch, oltre alla
personalizzazione di report ed alert a costi adatti alla piccola e
media impresa.

Per le implementazioni all’interno di datacenter, con accentuate
necessità di scalare e crescere, VMware vSphere 4 propone quattro
edizioni.
• VMware vSphere 4 Standard offre un interessante ROI sul
consolidamento dei server con nuove funzionalità quali thin
provisioning, che riduce fino al 50% i costi storage, ed
ottimizzazione delle prestazioni, che consente di ottenere rapporti
di consolidamento superiori anche del 30% rispetto al software
VMware della precedente generazione.
• VMware vSphere 4 Advanced offre protezione ed alta
disponibilità delle applicazioni. La migrazione ”live” offerta
da VMotion, l’aggiunta di VMware Fault Tolerance per la
disponibilità continua, VMware Data Recovery per il ripristino e
VMware vShield Zones per la sicurezza realizzano un esclusivo
pacchetto integrato per la realizzazione di ambienti IT “always
on”.
• VMware vSphere 4 Enterprise aggiunge la gestione automatizzata
delle risorse con le funzioni DRS e VMware Storage VMotion.
• Infine VMware vSphere 4 Enterprise Plus comprende tutte le
funzioni di VMware vSphere 4 necessarie per trasformare i data
center in ambienti cloud privati, comprendendo VMware vNetwork
Distributed Switch e VMware Host Profiles per semplificare la
gestione operativa delle implementazioni più estese.
• Sono previste speciali promozioni per l’upgrade riservate ai
clienti di VMware Infrastructure.