Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL VOTO

Privacy, primo ok del Parlamento Ue alla normativa comunitaria

Via libera dalla commissione libertà civili con 53 voti favorevoli. Il voto dell’Aula in plenaria atteso tra marzo e aprile 2016. La relatrice Lauristi: “Accosto storico, per la prima volta regole armonizzate per la protezione dei dati nell’Unione Europea”

17 Dic 2015

Andrea Frollà

Arriva il primo ok dell’Europarlamento all’accordo raggiunto ieri insieme a Commissione e Consiglio Ue sulle nuove regole a tutela della privacy. Tra le previsioni pesanti sanzioni per le imprese che non le rispettano e il via libera ai Paesi sulla soglia di età minima, tra i 13 e i 16 anni, per accedere ai social media senza il consenso scritto dei genitori.

Ad esprimersi favorevolmente è stata la commissione libertà civili, con 53 voti favorevoli, 2 contrari e un’astensione. Ora si attende la pronuncia dell’Aula di Strasburgo, che si esprimerà in plenaria durante la primavera, a marzo o aprile 2016. Nel frattempo anche gli stati membri dovranno dare il loro consenso formale.

“Questo è un accordo storico, perché per la prima volta abbiamo regole pienamente armonizzate che coprono le autorità di polizia e giustizia sulla protezione dei dati nell’Ue – ha commentato la relatrice, l’eurodeputata socialista lettone Marju Lauristin -. Verrà favorito lo scambio di informazioni e allo stesso tempo si assicurerà che non siano violati i diritti fondamentali dei cittadini europei”.