Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL TAKEOVER

Qualcomm, un altro no a Broadcom. Ma apre uno spiraglio

Il cda del chipmaker respinge “l’ultima e migliore offerta” considerata troppo bassa per il deal. Ma acconsente a un ulteriore incontro. Sul tavolo il tentantivo di “colmare le lacune”

09 Feb 2018

Antonello Salerno

Il consiglio d’amministrazione di Qualcomm dice no anche alla seconda offerta avanzata da Broadcom per l’acquisizione del gruppo: i 121 miliardi di dollari messi sul piatto non sono stati giudicati sufficienti, sebbene l’offerente sembri determinato a non alzare ancora la posta e definisca la propria proposta come “la migliore e l’ultima”. Acquisito il parere negativo del Cda, ora la questione dovrà essere esaminata dall’assemblea degli azionisti tra un mese, e arriverà al voto come un’offerta “ostile”.

Motivando il no all’operazione il consiglio d’amministrazione sostiene che la proposta di Broadcom, salita tra la prima e la seconda offerta da 70 a 82 dollari per azione, “sottovaluta notevolmente” Qualcomm, e sarebbe ancora “ben al di sotto” delle aspettative dell’azienda.

Prima che si consumi una rottura definitiva, però, rimane ancora aperto uno spiraglio: quello di un incontro richiesto dal Ceo di Broadcom, Hock Tan, al presidente di Qualcomm, Paul Jacobs, per valutare “le questioni significative che rimangono irrisolte”: si terrà probabilmente la prossima settimana, dopo il rifiuto del chairman di Qualcomm di organizzarlo in tempi più rapidi.

L’ultima offerta messa in campo da Broadcom, se andasse in porto, sarebbe il più grande di sempre nel campo tecnologico. Jacobs ha chiarito i fatti in una lettera indirizzata alla  società dei chip con sede a Singapore, spiegando che il Cda di Qualcomm “ha stabilito all’unanimità che l’offerta modificata sottovaluta materialmente le qualità di Qualcomm e cade ben al di sotto dell’impegno normativo richiesto dal consiglio, visto il significativo rischio al ribasso di una transazione che fallisce”, ha affermato Jacobs nella sua lettera. “Tuttavia, il consiglio di amministrazione si impegna a esplorare tutte le opzioni per massimizzare il valore per gli azionisti, e così saremmo pronti a incontrarci per consentirvi di spiegare come tentare di colmare queste lacune”.

L’offerta “solleva più domande di quelle a cui risponda”, prosegue Jacobs, che solleva anche il problema dell’acquisizione già programmata della società olandese Nxp, che produce chip per dispositivi mobili, e a cui non sarebbe stato “attribuito valore” nell’offerta avanzata da Broadcom.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Antonello Salerno

Professionista dal 2000, dopo la laurea in Filologia italiana e il biennio 1998-2000 all'Ifg di Urbino. Ho iniziato a Italia Radio (gruppo Espresso-La Repubblica). Poi a ilNuovo.it, tra i primi quotidiani online nati in Italia, e a seguire da caposervizio in un'agenzia di stampa romana. Dopo 10 anni da ufficio stampa istituzionale sono tornato a scrivere, su CorCom, nel 2013. Mi muovo su tutti i campi dell'economia digitale, con un occhio di riguardo per cybersecurity, copyright-pirateria online e industria 4.0.

Argomenti trattati

Approfondimenti

B
broadcom
C
chip
Q
qualcomm

Articolo 1 di 5