Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

RIFIUTI

Raccolta Raee, a Mestre i cassonetti sono “smart”

Due ecoisole sistemate nei due Interspar locali consentiranno ai cittadini di liberarsi gratuitamente dei piccoli rifiuti elettrici ed elettronici. I rifiuti saranno tracciati dal conferimento fino al trattamento e recupero

22 Apr 2016

A.S.

Arrivano a Mestre (Ve) le EcoIsole per la raccolta dei rifiuti elettronici di piccole dimensioni. Sarà possibile portare vecchi cellulari e tablet, frullatori e piccoli elettrodomestici da cucina, ma anche telecomandi e vecchie lampadine a risparmio energetico non più funzionanti presso i due Interspar di Mestre, in via Torino 2 e in via Paccagnella 18, dove sono state attrezzate EcoIsole Raee di Ecolight. Il consorzio nazionale per la gestione dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche e Veritas, azienda che fornisce servizi ambientali all’area metropolitana di Venezia, hanno posizionato venerdì 22 aprile due cassonetti intelligenti per la raccolta di prossimità dei piccoli Raee. Il conferimento è gratuito per i cittadini, si legge in una nota di Ecolight e Veritas, che così possono contribuire ad una maggiore tutela dell’ambiente.

“L’EcoIsola Raee nasce dall’esperienza del progetto europeo Identis Weee che ha portato allo sviluppo di soluzioni innovative per incrementare la raccolta dei rifiuti elettronici – afferma Giancarlo Dezio, direttore generale di Ecolight – Quali cassonetti di prossimità, le EcoIsole rispondono a due esigenze importanti: anzitutto, agevolano il cittadino-consumatore nel conferire correttamente il proprio rifiuto; trovando posto nelle aree commerciali ad alta frequentazione, le Ecoisole sono infatti facilmente raggiungibili. Inoltre, questo sistema riesce a dare una risposta concreta agli obblighi dell’Uno contro Zero, che impone alla grande distribuzione il ritiro dei piccoli RAEE gratuitamente”:

«La tendenza dei consumatori – spiega Renzo Favaretto, direttore dell’igiene urbana di Veritas – è di buttare nel cassonetto del rifiuto secco i piccoli Raee non più utilizzati. L’anno scorso, infatti, ne abbiamo raccolto nel nostro territorio solo un kg pro capite. Eppure, si tratta di oggetti realizzati quasi interamente in materiali recuperabili. Siamo convinti che questa iniziativa, insieme alle giornate di raccolta dedicate che periodicamente Veritas organizza nel proprio territorio, contribuirà ad aumentare la sensibilità dei cittadini e a far crescere la quantità di Raee raccolti in maniera differenziata».

È sufficienteindicare il tipo di prodotto da smaltire (se un piccolo elettrodomestico o una lampadina) e strisciare la carta regionale dei servizi – spiegano Veritas ed Ecolight illustrando il funzionamento dell’ecoisola – quindi inserire il rifiuto nello sportello indicato. A conferma dell’avvenuto conferimento, viene rilasciato uno scontrino. Quando i contenitori interni sono pieni, la macchina avvisa i tecnici via sms per lo svuotamento. I rifiuti conferiti vengono così tracciati dal momento del conferimento fino al trattamento e recupero, nell’intento di prevenire il traffico illegale dei RAEE. Inoltre, i cittadini avranno sempre la certezza che i materiali conferiti seguiranno la filiera corretta, con grande beneficio per l’ambiente. L’EcoIsola posizionata al centro commerciale Interspar di via Torino 2 è all’interno del punto vendita. Quella messa in via Paccagnella 18 è invece nelle immediate vicinanze dell’ingresso al centro commerciale, all’esterno dell’Interspar.

Articolo 1 di 3