Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Raccontare la rivoluzione digitale

Da Corriere delle Comunicazioni a Cor.Com. A dieci anni dalla prima uscita il nostro quindicinale cambia grafica e nome della testata. La stessa qualità e lo stesso impegno del Corriere delle Comunicazioni vengono applicati ora a un mondo sempre più complesso e interconnesso

20 Ott 2014

Gildo Campesato

“Cos’è? Un nuovo prodotto editoriale?”, si saranno chiesti molti lettori ricevendo Cor.Com e non riconoscendo subito il giornale che erano abituati a sfogliare o a ricevere sui loro device mobili ogni due settimane.

Quello che state leggendo è il “vecchio” Corriere delle Comunicazioni. A quasi dieci anni dalla prima uscita, sì è deciso di accompagnare al restyling della veste grafica un più radicale cambio di nome della testata.

Da questo numero il Corriere delle Comunicazioni si trasforma in Cor.Com, un nome simile al nostro quotidiano online CorCom che molti lettori del cartaceo già ricevono nella loro posta elettronica ogni sera, dal lunedì al venerdì.

Il nostro giornale e le nostre testate online hanno saputo affermarsi nonostante più di metà degli anni della loro esistenza siano stati segnati da una crisi senza precedenti che ha visto chiudere molte testate di settore ed economiche, anche di gruppi importanti. Grazie alla dedizione e alla professionalità della sua redazione è diventato assieme al sito Internet (www.corcom. it da oggi) e alla newsletter elettronica CorCom il punto di riferimento della community italiana dell’Ict. “Una voce per l’Ict”, avevamo dichiarato nel primo numero del Corriere delle Comunicazioni a maggio 2005. Allora stava esplodendo quella che è stata chiamata “convergenza” tra Tlc e IT. Avere saputo interpretare questo cambiamento è stata una delle chiavi del nostro successo.

La rivoluzione Internet ci ha fatti entrare nell’era della società e dell’economia digitali. Le vecchie barriere fra i settori sono cadute. Le tecnologie digitali innervano l’intera economia, le organizzazioni produttive, i servizi, gli stili di vita delle persone. Il digitale è una grande sfida e una grande opportunità per tutti. Se sapremo adottarle, le tecnologie digitali saranno il volano dell’Italia che vuole tornare a crescere e la leva per cambiare la pubblica amministrazione. È questa rivoluzione che vogliamo raccontare e supportare con Cor.Com e gli altri nostri prodotti editoriali elettronici. La stessa qualità e lo stesso impegno del Corriere delle Comunicazioni applicati a un mondo sempre più complesso e interconnesso. Che va veloce. Come Cor.Com, dalla pronuncia molto più rapida della nostra vecchia testata.

Articolo 1 di 5