Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Raee, nel 2011 raccolte 25mila tonnellate

24 Lug 2012

Quasi 25mila tonnellate di Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (Raee) raccolte, delle quali 23.300 inviate a recupero. Questi i principali numeri contenuti nel Rapporto Sociale 2011 pubblicato da Ecolight, consorzio no profit che raccoglie oltre 1.500 aziende. In particolare, nel corso del 2011 Ecolight ha avviato a recupero piu’ di 12mila tonnellate di ferro, 5mila tonnellate di plastica, mille di alluminio e 800 di vetro. Quanto alla gestione delle pile e degli accumulatori esausti, il sistema di raccolta, avviato in forma volontaria, ha permesso al consorzio di gestire 204 tonnellate di rifiuti assicurando un tasso di recupero del 96,5%.

“A distanza di cinque anni dall’entrata in vigore del sistema multi-consortile di gestione dei Raee, Ecolight ha saputo crescere tenendo fede ai propri impegni – osserva Walter Camarda, presidente di Ecolight – Il consorzio ha raggiunto una quota media di recupero dei Raee superiore al 95%”.

Sul fronte della gestione dei Raee, Ecolight ha operato nella raccolta dei Raee domestici presso 2.775 punti di prelievo dislocati nei centri di raccolta comunali e presso i negozi attraverso il servizio ‘Uno contro uno’ dedicato alla distribuzione; e nella raccolta dei rifiuti elettronici professionali direttamente presso le aziende.

Ecolight si è confermato consorzio di riferimento per R4, ovvero il raggruppamento Raee che comprende piccoli elettrodomestici, cellulari, pc ed elettronica di consumo: più del 37% quanto raccolto dall’intero sistema è stato gestito da Ecolight. Importante anche la quota di gestione per R5: il consorzio si è occupato di quasi il 40% delle sorgenti luminose giunte a fine vita.

Nel complesso, aggiunge Camarda, “il sistema può e deve crescere. In Italia si sono raggiunti i 4,3 kg pro capite per abitante di Raee raccolti quando in altri Paesi europei si raggiungono i 10 kg. Se la nuova direttiva europea ci pone in una prospettiva di crescita, siamo convinti che l’intero sistema Raee necessiti di regole precise per fermare lo smaltimento illegale di questi rifiuti e di controlli nel rispetto della norma che assegna ai Produttori, e di conseguenza ai consorzi, la proprieta’, quindi la gestione, dei rifiuti elettronici”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

E
ecolight
R
raee