Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL PIANO

Rai “digital first”, così Campo Dall’Orto scommette sulle news

Il dg in commissione di Vigilanza dà i dettagli del piano: via al progetto di informazione digitale e a Newsroom Italia. “Vogliamo creare una media company forte su tutte le piattaforme”

25 Gen 2017

F.Me

“Sono due i cardini su cui è costruito il piano. Il primo è il digital first, che è il primo progetto di informazione digitale. Nome in codice: Rai24”, e cioè il sito e tutte le declinazioni possibili sui social network. “Il secondo è Newsroom Italia che nascerà dalla Tgr e dal canale di flusso Rainews 24 e che diventerà il motore informativo della nostra azienda”, una ‘macchina’ (che ha le sue radici sul territorio attraverso la Tgr) che dovrebbe produrre l’informazione per se stessa con Rainews24 e per tutte le testate giornalistiche che ne vorranno usufruire”. A mostrare in slide la fotografia dei punti clou del nuovo piano per l’informazione Rai su cui sta lavorando è il Dg di Viale Mazzini, Antonio Campo dall’Orto, audito questo pomeriggio dalla commissione di Vigilanza Rai, assieme a tutto il Cda e alla presidente, Monica Maggioni.

“Oggi siamo qui a condividere un percorso mentre lo stiamo realizzando – dice il Dg Rai – e proprio perché ogni cambiamento deve essere strutturale vi racconto gli ambiti dei cambiamenti che vanno affrontati, partendo dagli obiettivi: consolidare la leadership dove l’abbiamo e conquistarla dove abbiamo accumulato ritardo con un atteggiamento di lungo periodo in un momento in cui stiamo per rinnovare la concessione e in coerenza con il piano industriale approvato un anno fa che mira a rendere l’Azienda una media company forte su tutte le piattaforme di cui le persone possono usufruire”.

“Facciamo tutto questo – continua Campo Dall’Orto – facendo leva sulla forza di ciò che abbiamo dentro e questo comporta una premessa: noi andiamo a fare cose nuove cercando di valorizzare quello che abbiamo e questo vuol dire garantire il perimetro di occupazione, ma fare un grosso investimento nell’ambito della formazione perché ci sarà bisogno di ruoli diversi rispetto a quelli del passato, ma lo sforzo formativo è già in corso”.

“Ho preso l’incarico di portare avanti il Piano per l’Informazione prendendo alcune cose già messe a punto da Verdelli, cambiandone e integrandone altre – racconta ai commissari della Vigilanza – Questo piano deve essere fortemente informato da una visione prospettica e si muoverà in tre ambiti: informazione digitale, informazione di flusso e informazione classica e cioè quella dei telegiornali”, chiedendosi come quest’ultima si evolverà, e “cosa vuol dire complementarietà tra informazione di flusso e Tg”.

Tornando al digital first, secondo il direttore generale “la chiave è essere pervasivi e cioè riuscire ad arrivare ovunque e in qualcune momento, attraverso la diffusione multi-piattaforma. La prima cosa, quella dirimente, da considerare a tal proposito è che necessariamente il mondo digitale comporta un cambiamento nella valorizzazione dei marchi perché è un sistema necessariamente integrato”.

Argomenti trattati

Approfondimenti

A
Antonio Campo Dall'Orto
R
rai

Articolo 1 di 3