Renzi: "Canone Rai scende a 100 euro. E si pagherà in bolletta" - CorCom

Renzi: “Canone Rai scende a 100 euro. E si pagherà in bolletta”

Il presidente del Consiglio durante l’illustrazione della legge di stabilità: “Se non lo pagavi, non ti va bene. Ma se lo pagavi, paghi meno”. L’importo diminuirà progressivamente: costerà 95 euro nel 2017, e continuerà a calare negli anni

15 Ott 2015

A.S.

“Il canone Rai era a 113 e ora va a 100. Se non lo pagavi, non ti va bene. Ma se lo pagavi, paghi meno. La curva del canone sarà discendente a 95 euro nel 2017, continuerà a scendere e si pagherà in bolletta”. Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Matteo Renzi durante la conferenza stampa al termine del Consiglio dei ministri che ha varato la legge di stabilità. L’annuncio è stato seguito da un tweet del premier, che ha scritto sul social network: “Lotta all’evasione: pagare meno, pagare tutti. Canone Rai a 100 euro”.

Il canone Rai era stato a un passo dall’essere “caricato” sulla bolletta elettrica già alla fine dello scroso anno, quando la misura era immediatamente finita sotto il fuoco incrociato delle critiche, e visti i tempi stretti si era deciso di metterla da parte per rimandarla a un momento migliore. Sull’argomento Renzi era tornato il 4 ottobre, annunciando che la misura sarà attiva dal prossimo anno, e lasciando intendere che il canone andrà a gravare sulla bolletta della luce. “C’è una tassa che non è una tassa, è il canone. In legge di stabilità – aveva detto durante il programma “In mezz’ora” intervistato da Lucia Annunziata – riduciamo il canone e contemporaneamente diciamo che lo devono pagare tutti. Oggi costa 113 euro, il prossimo anno costerà 100 euro – ha proseguito Renzi – Chi è onesto e paga, paga meno”.

L’obiettivo del governo è quello di azzerare l’evasione, che supera la percentuale del 30% dei telespettatori e che quest’anno potrebbe arrivare a sfondare quota 600 milioni di euro. Secondo le proiezioni preparate l’anno scorso, perché la nuova misura possa garantire le stesse entrate che si sono registrate negli ultimi anni, ma allargando la platea dei contribuenti, l’importo del canone potrebbe in teoria arrivare a essere abbassato fino a costare ai contribuenti tra i 60 e gli 80 euro.

Negli ultimi giorni tra l’altro hanno iniziato a circolare le prime informazioni più dettagliate sulla misura. Secondo le indiscrezioni più accreditate i possessori di due case pagheranno il canone Rai soltanto una volta, per l’abitazione in cui risiedono. E’ probabile che i primi 50 euro saranno addebitati sulla bolletta elettrica a gennaio, e che la seconda rata finirà sulla bolletta dopo sei mesi, a giugno. Il meccanismo di pagamento prevederebbe inoltre che chi non possiede la Tv, e nemmeno altri dispositivi per guardare la Tv di Stato, come smartphone o tablet, non sarà tenuto a pagare il canone e non rischierà il distacco dell’energia elettrica.