Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

GIG ECONOMY

Riders, doppio “binario” tra subordinati e saltuari: intesa nella maggioranza

L’emendamento prevede per i ciclofattorini impiegati in maniera continuativa le tutele del lavoro subordinato mentre per i lavoratori occasionali un pacchetto minimo di diritti inderogabili

04 Ott 2019

F. Me.

“Doppio binario” per i riders. La maggioranza ha trovato l’accordo sulle regole che a tutela dei lavoratoti delle piattaforme. L’emendamento, che sarà presentato al cosiddetto Decreto Salva Imprese al Senato, prevede per i ciclofattorini impiegati in maniera continuativa le tutele del lavoro subordinato mentre per coloro che lavorano in maniera occasionale un pacchetto minimo di diritti inderogabili (divieto di cottimo, paga minima oraria collegata ai Ccnl, salute e sicurezza, tutele previdenziali) a cui può affiancarsi una regolamentazione specifica tramite la stipula di contratti collettivi. Imprese e sindacati avranno 12 mesi per definire le tutele, diversamente scatterà il lavoro subordinato.

Il principale obiettivo di questo intervento, spiega la ministra al lavoro Nunzia Catalfo in un comunicato, “è stimolare, anche in tale settore, la contrattazione collettiva che avrà il compito di regolare in concreto la figura dei rider”. Catalfo si dice “molto soddisfatta” perché, sottolinea, “finalmente anche questi lavoratori avranno maggiori diritti e tutele”.

Ma non tutti i riders sono d’accordo con queste novità gruppo di oltre 800 rider che nei giorni scorsi si è opposto alla prima versione del decreto manifesta ulteriore e crescente preoccupazione. “Siamo passati dalla padella alla brace. L’emendamento è insensato e pericoloso, perché obbliga le piattaforme a trovare un accordo coi sindacati tradizionali, ma i rider iscritti ai sindacati si contano sulle dita di una mano e il motivo è semplice: siamo lavoratori autonomi e quello che propongono i sindacati è lontano anni luce da quello che interessa a noi”, dichiara Nicolò Montesi, portavoce di una petizione che ha raccolto le firme di oltre 800 rider.

“Non capiamo perché – aggiunge – il governo dia potere di trattare con le piattaforme a sindacati che non rappresentano nessuno e non invece a noi stessi, che facciamo questo lavoro e sappiamo di cosa abbiamo davvero bisogno. Come sempre, purtroppo, gli unici a non avere voce in capitolo in questa assurda vicenda siamo proprio noi rider”. “Chiediamo un incontro urgente al Ministro Catalfo per arrivare a una soluzione condivisa: il decreto potrebbe essere corretto semplicemente dando a reali rappresentanti dei rider il potere di trattare a livello aziendale con ciascuna piattaforma, indipendentemente se parte di sindacati”. tradizionali oppure no. Speriamo in un po’ di buonsenso e di ascolto da parte del governo, per una volta. Altrimenti diventerà troppo tardi”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Personaggi

N
nunzia catalfo

Approfondimenti

G
gig economy
R
riders

Articolo 1 di 3