Rifiuti elettronici da record: 53 milioni di tonnellate - CorCom

IL REPORT

Rifiuti elettronici da record: 53 milioni di tonnellate

I dati dell’E-Waste monitor 2020 delle Nazioni Unite: la media globale nel 2019 è stata di 7,3 kg a persona, mentre in Europa ha toccato i 16,2 Kg pro capite

06 Lug 2020

A. S.

La produzione di rifiuti elettronici ha toccato il proprio massimo storico nel 2019: 53 milioni di tonnellate in tutto, parti a una media globale di 7,3 kg per cittadino. Ma la media sale sensibilmente se si considera il solo territorio europeo, dove la produzione pro capite arriva a 16,2 kg nei dodici mesi. Sono i dati che emergono dal report realizzato dall’E-Waste monitor 2020 delle Nazioni Unite, che prevedono un ulteriore aumento della produzione da qui al 2030, quando si dovrebbe arrivare a quota 74 milioni di tonnellate, raddoppiando quindi la produzione di questo genere di rifiuti nell’arco di 16 anni.

In cima alla lista dei materiali scartati nell’arco dello scorso anno ci sono plastica e silicio, seguiti da rame, oro e altri metalli preziosi, recuperando i quali si arriverebbe a ricavare complessivamente 57 miliardi di dollari, paragonabili al valore del prodotto interno lordo di più di uno Stato.

Quello dei rifiuti elettronici si dimostra così, secondo il report, il settore in cui il trend di crescita della produzione è il più rapido su scala globale, alimentato principalmente dal grande utilizzo di device elettrici ed elettronici dal breve ciclo di vita e con poche possibilità di essere riparati.

WHITEPAPER
Come migliorare la redditività grazie alla digital transformation nel settore industriale
Digital Transformation
IoT

Soltanto il 17,4% della produzione di rifiuti elettronici del 2019, infatti, secondo i dati della ricerca, sono stati raccolti e riciclati: la maggior parte è stato portato in discarica e bruciato piuttosto che essere destinato al trattamento e al riuso.

A generare la quantità più grande di rifiuti elettronici è stata l’Asia, con 24,9 milioni di tonnellate, poi l’America con 13,1 milioni di tonnellate e l’Europa con 12 milioni di tonnellate. Africa e Oceania rimangono indietro rispettivamente con 2,9 e 0,7 milioni di tonnellate di rifiuti elettronici prodotti.

Soltanto per fare un esempio, il totale dei rifiuti elettronici prodotti lo scorso anno nel mondo equivale al peso di 350 navi da crociera della stazza della Queen Mary 2.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Aziende

O
onu

Approfondimenti

R
raee
R
rifiuti elettronici

Articolo 1 di 2