Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

REGOLAMENTAZIONE

Riforma Tlc, Cardani: “Poteri delle authority, sostegno al Berec”

Il presidente Agcom: “Accogliamo con estremo favore la proposta di riforma avanzata dalla commissione. Ridurre l’efficacia dell’azione regolatoria sarebbe dannoso per il benessere dei consumatori europei”

12 Ott 2017

Agcom ha a suo tempo accolto con estremo favore le proposte di riforma avanzate dalla Commissione in materia di Codice europeo delle comunicazioni elettroniche e sostiene senza riserve la posizione critica del Berec in merito a ogni compromesso al ribasso in tale ambito”. Lo afferma in una nota Angelo Marcello Cardani, presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, a sostegno della posizione del Body of european regulators for electronic communication illustrata a Bruxelles dal suo presidente, Sebastien Soriano, che ha segnalato l’esigenza che il prossimo Codice riconosca un ambito comune di competenze alle Autorità nazionali di regolamentazione indipendenti, in linea con quanto previsto dall’articolo 5 della proposta della Commissione europea del settembre 2016.

La dichiarazione, si legge in un comunicato di Agcom, dà corpo alla forte preoccupazione, condivisa all’unanimità dai membri del Berec, riguardo all’evoluzione del dibattito in seno al Consiglio Ue che vede profilarsi concretamente il rischio di un restringimento dell’ambito minimo delle competenze da assegnare alle Autorità settoriali indipendenti, con la conseguente frammentazione delle competenze a livello nazionale e un disallineamento di approcci regolamentari tra i vari contesti nazionali.

Nel ricordare come i requisiti della competenza tecnica e dell’indipendenza siano connaturati al ruolo e alle funzioni delle Autorità di regolazione, tanto più in un contesto tecnologico e di mercato in rapidissima evoluzione, prosegue la nota – il Berec ha ribadito l’esigenza di un forte coordinamento regolamentare, in ragione della dimensione sempre più sovranazionale delle sfide poste dall’ecosistema digitale.

“In tempi nei quali una regolamentazione fortemente qualificata e indipendente risulta sempre più imprescindibile, a presidio di uno sviluppo equilibrato del complesso settore delle comunicazioni elettroniche – conclude Cardani – ogni misura tesa a mantenere lo status quo o a ridurre l’effettività e l’efficacia dell’azione regolatoria è in contrasto con lo spirito della riforma europea ed in ultima analisi foriera di effetti negativi rispetto al benessere dei consumatori europei”.