L'ACCORDO

Salvi i 241 lavoratori di Micron a Catania, accordo fatto con STMicroelectronics

La chiusura del sito non avrà impatti negativi sull’occupazione. I dipendenti potranno scegliere la ricollocazione presso lo stabilimento catanese di StMicroelectronics, l’incentivo all’esodo o la ricollocazione presso altre unità produttive Micron

19 Dic 2018

F. Me

Tutti salvi lavoratori di Micron a Catania. Al Ministero dello Sviluppo Economico è stato sottoscritto l’accordo con STMicroelectronics, che prevede la chiusura dello stabilimento catanese di Micron.

A seguito dell’accordo sottoscritto saranno salvaguardati i livelli occupazionali dei 241 dipendenti di Micron, ai quali verrà data la possibilità di scegliere tra la ricollocazione a tempo indeterminato e senza jobs act presso lo stabilimento catanese di STMicroelectronics oppure l’incentivo all’esodo o la ricollocazione presso altre unità produttive Micron, in Italia e all’estero.

WHITEPAPER
Vita da CEO: quali sono gli strumenti necessari ai manager per vincere le sfide professionali
CIO
Digital Transformation

Per la Fiom la chiusura del sito di Catania da parte di Micron “è una pessima notizia, come sempre quando un’azienda decide di disimpegnarsi da un territorio”. “È positivo però – si legge in una nota delle tute blu Cgil – che, attraverso questo accordo, i lavoratori abbiano la possibilità di una immediata ricollocazione, scegliendo fra le possibilità proposte”.

L’accordo prevede inoltre investimenti negli altri siti Micron del nostro paese – Arzano, Avezzano, Padova e Vimercate – e, riguardo i passaggi in StM Catania, non avrà nessun impatto sui lavoratori somministrati e a tempo determinato che lavorano in questa realtà, poiché riguarda figure professionali differenti. Nell’accordo, che le lavoratrici e i lavoratori riuniti ieri in assemblea hanno approvato all’unanimità, va riconosciuto infine, secondo la Fiom, un ruolo positivo del governo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

M
micron
S
STMicroeletronics