Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

CRESCITA DIGITALE

Samaritani: “Agid, ora avanti sull’execution”

Il neo direttore dell’Agenzia per l’Italia digitale: “Per la prima volta c’è una linea strategica chiara, frutto dell’indirizzo dato dal Governo”

27 Mag 2015

A.S.

“Per la prima volta c’è una linea strategica chiara, che vuol dire che la politica ha dato un indirizzo forte e ha detto che l’Agid deve diventare il braccio armato di questa strategia. Il tema vero diventa l’execution, perché forse è quello che manca in questo momento”. Lo ha detto Antonio Samaritani, nuovo direttore generale dell’Agenzia per l’Italia digitale, facendo il punto della situazione a poche settimane dal suo insediamento. “Oggi Agid è soffocata da un ruolo importante e non operativo – ha sottolineato – ma bisogna saldare questi due elementi diversi”.

Quanto alla strategia di questo primo periodo alla guida di Agid, Samarintani ha puntato sulla “definizione di quali pezzi applicativi implementare per far viaggiare i contenuti altrimenti il rischio è di avere investimenti infrastrutturali senza contenuti”.

Rispetto alla situazione ereditata dalla precedente gestione, Samaritani ha sottolineato che “non va fermata la macchina in corsa: sono stati fissati degli obiettivi e non vanno persi. Inoltre, la parte infrastrutturale è stata ben delineata. Il punto su cui ragionare è quale priorità dare ora per la crescita digitale”.

Articolo 1 di 5