Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

IL TERZO QUARTER

Samsung, un altro trimestre da brivido: utili verso il -56%

Pesa la fine del ciclo di vita dei chip di memoria, il cui prezzo continua a scendere, e l’impossibilità di porre rimedio alla crisi a causa dell’instabilità economica causata delle trade war. Crescono però i business degli smartphone e degli schermi Oled

09 Ott 2019

D. A.

Samsung prevede un calo di profitti per per il terzo quarter dell’anno, l’ennesimo trimestre di seguito caratterizzato dal segno meno. Le cause, come riporta il Financial Times, sono da attribuire a un calo dei prezzi dei chip di memoria, a cui bisogna aggiungere segnali che preannunciano una svolta nel ciclo di vita delle schede. I margini operativi sono infatti crollati del 56% a 7,7 trilioni di won coreani (circa 6,4 miliardi di dollari) nel periodo che va da luglio a settembre 2019, meglio comunque delle attese: 6,9 trilioni di dollari secondo gli analisti citati da Bloomberg. Le vendite, ha fatto sapere l’azienda che nei prossimi giorni fornirà maggiori dettagli, sono calate del 5,3% a 62 trilioni di won.

La crisi dei chip di memoria

Più della metà dei margini operativi provengono dalla produzione e vendita di chip, i cui prezzi hanno continuato a contrarsi nel corso del 2019. Anche la concorrente americana, Micron Technology, sembra aver accusato il colpo, adducendone i motivi alle incertezze economiche che attraversano il mercato globale. Per gli analisti la diagnosi è netta: si è arrivati al termine del ciclo di vita di questo genere di prodotti, ma la revisione dei prezzi è attualmente impossibile a causa delle trade war in atto. “Gli inventari si esauriscono in fretta, man mano che aumenta la domanda in seguito all’abbassamento dei prezzi”, nota Song Myung-Sup di Hi Investment & Security. “L’aumento della domanda di chip di memoria l’anno prossimo è destinata a superare la crescita della capacità produttiva”, precisa l’analista.

Il vantaggio su Huawei e la collaborazione con Apple

Non tutte le guerre dei dazi vengono per nuocere però. Quella tra Trump e la Cina, che sta pesantemente danneggiando i device Huawei, rappresenta per Samsung l’occasione di rafforzarsi sul fronte degli smartphone Android. Al tempo stesso, il lancio dei nuovi iPhone sta portando a Seul una sempre maggiore richiesta di forniture da parte di Apple di schermi Oled, che dovrebbe spingere il produttore – l’annuncio ufficiale è atteso prossimamente – a investire 13 trilioni di won in questo business.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5