Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

LA GUERRA DEI BREVETTI

Samsung vs Lg, è scontro legale tra i big sudcoreani

In ballo la violazione di brevetti relativi a Oled, tecnologia per gli schermi piatti di ultima generazione

28 Set 2012

Luciana Maci

È lotta interna tra due giganti dell’hi-tech sudcoreano. Samsung Electronics, già protagonista di vicende giudiziarie che l’hanno vista scontrarsi con l’americana Apple, è stata portata in tribunale da LG Display, sua concorrente in patria, sempre per lo stesso motivo: violazione di brevetti.

Secondo LG, seconda al mondo nelle vendite di schermi piatti, la rivale ha infranto sette brevetti di sua proprietà legati all’“Organic light emitting diodes” (Oled), tecnologia usata per gli schermi piatti delle televisioni di ultima generazione. Gli apparecchi dotati di sistema Oled sono più sottili, garantiscono immagini più nitide e consumano meno.

Samsung è attualmente dominante nell’Oled (secondo la stessa azienda ha una quota di mercato del 98%) grazie a investimenti lungimiranti, mentre LG sta lottando per tenersi al passo, avendo finora puntato sulla tecnologia Lcd, che è più arretrata.

Ora LG ha chiesto i danni e un’ingiunzione restrittiva contro la vendita in Corea del Sud di vari dispositivi tra cui il Samsung Galaxy III, il Galaxy Note e il Galaxy Tab 7.7.

Secondo il gruppo fondato da Lee Byung-chul la mossa legale della concorrente sarebbe tesa a ricostruirsi un’immagine dopo che, nel luglio scorso, alcuni impiegati della LG, un tempo in Samsung, furono incriminati con l’accusa di aver sottratto la tecnologia Oled dal Samsung Mobile Display per venderla all’attuale datore di lavoro.

Il 24 agosto scorso la Apple aveva vinto una causa contro il big sudcoreano per violazione dei brevetti dell’iPhone e dell’iPad, ottenendo un risarcimento di 1,05 miliardi di dollari. Esattamente un mese dopo Cupertino è torna alla carica chiedendo 707 milioni di dollari in più di danni e la messa al bando sul suolo statunitense di 26 smartphone e tablet Samsung.