"Scorporare" le big tech della Silicon Valley? Ecco il piano dei democratici Usa - CorCom

IL CASO

“Scorporare” le big tech della Silicon Valley? Ecco il piano dei democratici Usa

Il rapporto pubblicato dalla sottocommissione antitrust della Camera punta il dito, dopo 16 mesi di indagini, contro Amazon, Apple, Facebook e Google: troppo potere nei rispettivi ambiti. Ma i repubblicani frenano

07 Ott 2020

Domenico Aliperto

I democratici Usa si schierano contro la Silicon Valley: Amazon, Apple, Facebook e Alphabet detengono di fatto un potere eccessivo e si richiedono per questo forti cambiamenti allo stato di cose attuale. Sono le conclusioni raggiunte dalla sottocommissione antitrust della Camera dopo 16 mesi di indagini. Il rapporto – la cui pubblicazione, prevista per l’inizio della settimana, è stata rinviata, pare, per la comparsa di nuovi elementi sull’acquisizione di Instagram da parte di Facebook nel 2012 – propone una serie di modifiche che potrebbero portare, nel caso in cui le raccomandazioni fossero approvate dal Congresso, anche alla frantumazione delle grandi compagnie tecnologiche. Amazon è accusata di avere il monopolio fra i fornitori e i venditori terzi, Apple nella distribuzione di app sul software per i dispositivi iOS, Google nelle ricerche online e Facebook nel networking sui social e nella pubblicità online.

Big tech troppo grandi, si passa dalle parole ai fatti?

Si tratta di un cambio di passo rivoluzionario: dopo anni di parole, durante i quali le Big Tech sono state definite troppo grandi, ora i legislatori democratici sembrano passare ai fatti chiedendo al Congresso di tenere a freno Facebook, Google, Amazon e Apple scorporandone i blocchi, limitando le future fusioni e fermando i processi di auto-negoziazione che potrebbero danneggiare i concorrenti. In realtà, con le elezioni a meno di un mese di distanza e un nuovo Congresso previsto per gennaio, ci sono poche possibilità di azione quest’anno. Tuttavia, il rapporto di 450 pagine offre una tabella di marcia per il 2021 in particolare se i democratici riprenderanno il controllo di entrambe le camere del Congresso.

Più nello specifico, il rapporto afferma che le quattro società hanno abusato del loro potere di mercato addebitando commissioni eccessive, imponendo termini contrattuali rigidi ed estraendo dati preziosi dagli individui e dalle aziende che si affidano a loro. Il rapporto ha rilevato che Google detiene il monopolio nella ricerca e che Facebook fa lo stesso nell’ambito social networking, mentre è stato più cauto nei confronti di Amazon e Apple, che hanno “un potere di mercato significativo e duraturo”, rispettivamente, nel mercato al dettaglio online degli Stati Uniti e nei sistemi operativi mobili e negli app store.

L’ipotesi di fare uno spezzatino delle Big Tech

WHITEPAPER
Costruire agilità in modo rapido per la tua azienda: 5 passi essenziali
Digital Transformation
Storage

Il candidato democratico alla presidenza Joe Biden ha affermato che dovrebbe essere presa in considerazione l’ipotesi di scorporare i colossi. Costringere le aziende a sciogliersi sarebbe un passo radicale da fare per il Congresso. Per decenni, i giganti della tecnologia americani hanno goduto di una regolamentazione leggera e dello status di star a Washington, ma hanno dovuto affrontare un crescente controllo e critiche su questioni di concorrenza, privacy dei consumatori, incitamento all’odio e sui loro effetti sulla democrazia e sul clima politico. Tuttavia, le aziende hanno potenti lobby e molti dei loro amministratori delegati mantengono un certo potere ai piani alti dell’amministrazione. Non c’è dubbio che le società intraprenderanno una lotta a tutto campo contro qualsiasi tentativo di farne uno spezzatino, e non è chiaro quanti legislatori sarebbero disposti a scegliere davvero quella strada, dovendo far fronte anche a tutta una serie di implementazioni e integrazioni tecnologiche.

Sebbene il rapporto fosse bipartisan, martedì i repubblicani hanno espresso i loro pensieri in un rapporto intitolato “Third Way to Take on Big Tech”. Scritto dal rappresentante Ken Buck del Colorado, il documento propone una “applicazione delle leggi antitrust esistenti piuttosto che una regolamentazione onerosa e onerosa che uccide l’innovazione del settore”. Non è difficile indovinare quale opzione sceglierebbero le Big Tech se si trovassero costrette a scegliere tra i due approcci.

I portavoce di Facebook, Google e Apple non hanno rilasciato commenti immediati sul rapporto. In un post sul blog martedì, Amazon ha invece avvertito che “certe nozioni superficiali in materia di antitrust distruggerebbero le piccole imprese e danneggerebbero i consumatori”, senza però menzionare il rapporto o il sottocomitato antitrust della Camera.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 5