Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

EVENTO ERICSSON

Scuola digitale, Giannini: “Inglese, Ict e capacità di problem solving skill indispensabili”

Il ministro dell’Istruzione all’evento Ericsson: “Dobbiamo vincere la scommessa dell’innovazione: dinamicità parola d’ordine”

06 Lug 2016

Flavia Gamberale Fraticelli

Inglese, dimestichezza con le nuove tecnologia e attitudine problem solving. Ecco le competenze che nel prossimo futuro dovranno essere trasversali a tutti gli studenti. Questa la scommessa che si pone la scuola italiana. A dirlo, durante il panel della Ericsson “Giovani, formazione lavoro nel nuovo mondo digitale” in corso oggi a Roma, Stefania Giannini, Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca.

“La scuola è il luogo dove si genera l’innovazione”, ha affermato la Giannini, “la nostra idea di istruzione”, ha dichiarato facendo riferimento alla riforma della scuola, “inverte il vecchio modello che ha formato la classe dirigente con i licei classici. Il nostro attuale modello è fondato sulla dinamicità per essere al passo coi tempi. Oggi dobbiamo formare per competenze, non per mestieri”, ha sottolineato.

Come dire: certe abilità dovranno essere patrimonio di tutti. “Chiunque dovrà avere competenze tecnologiche, anche il chirurgo quando opera i pazienti con sofisticati software progettati da ingegneri informatici”.

“Il nostro modello di scuola ha introdotto l’innovazione a vari livelli: nella formazione degli studenti, con la flessibilità dei curriculum , ma anche in quella degli insegnanti. Pensiamo a un’istruzione che avvii col mondo del lavoro un dialogo in tutti i settori. Il primo strumento su cui stiamo investendo è il piano nazionale della scuola digitale. Non vogliamo lavorare solo sull’ infrastruttura di rete ma agire a tutto campo sugli skills, introducendo l’insegnamento dell’informatica e del linguaggio computazionale”.

Una scuola che riesca a cavalcare il cambiamento e a dare ai giovani gli strumenti per affrontarlo, insomma. Del resto, secondo stime Ericsson, il 65% dei bambini che oggi frequenta le scuole primarie avrà in futuro un job profile che in questo momento non esiste.

Articolo 1 di 5