Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA RICERCA

Server computing, in Europa l’hardware B2B spinge il mercato. Italia sul podio

Secondo il report di Context, a settembre si è registrato un incremento annuo dell’11,3% trainato dalla vendita dei processori; frenano Ram e Ssd. Il nostro Paese cresce più della media (+12,7%)

26 Ott 2018

Crescono in Europa occidentali le revenue derivanti dalla vendita alle aziende di hardware per il server computing. Secondo i dati di Context, società di consulenza e ricerca in ambito IT, si tratterebbe di un incremento che a settembre ha fatto segnare nel complesso un +11,3% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. L’Italia cresce più della media, con un +12,7%, superando la Germania che si attesta a +6,8%, ma rimanendo piuttosto distante dal Regno Unito (+20,3%) e dagli exploit di Francia (+50,3%) e Austria (+79,1%). Da segnalare il brusco calo delle vendite in Svizzera, dove si è registrato un -44%.

I segmenti di prodotto presi in considerazione sono i sistemi server preconfigurati, RAM, processori, hard disk e SSD (Solid State Drive). A settembre 2017, solo gli upgrade per SSD e RAM avevano visto un aumento significativo di fatturato, mentre quest’anno la crescita è stata quasi irrilevante. Il mercato ha sofferto nell’ultimo anno di una carenza di entrambe le categorie di prodotto, e mentre il prezzo medio della RAM non si è ancora abbassato, nel confronto anno su anno si può notare qualche aggiustamento per l’SSD. I sistemi server preconfigurati sono cresciuti del 15,2%, grazie all’esigenza delle imprese di rinnovare il parco macchine sulla scia della digital transformation. Mentre i processori hanno addirittura fatto un balzo del 33,1%, probabilmente – nota Context – perché molti clienti si starebbero muovendo d’anticipo in risposta all’annuncio di Intel, che ha prospettato possibili scarse forniture nei prossimi mesi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA