Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

LA MANOVRA

Web tax “tagliata” al 3%, fuori l’e-commerce

La tassa scende dal 6% votato in Senato. Rafforzamento del concetto di stabile organizzazione, eliminazione del credito di imposta e dell’obbligo di comunicazione all’Agenzia delle Entrate tra le novità dell’emendamento Boccia alla Camera. Esenti piccole imprese e startup. 190 milioni il gettito stimato

18 Dic 2017

Federica Meta

Giornalista

Razionalizzazione del concetto di stabile organizzazione e imposta al 3% su tutte le transazioni online ma non sull’e-commerce e sulla cessione dei beni. Sono questi, come anticipato da CorCom, i pilastri dell’emendamento web tax presentato dalla commissione Bilancio della Camera, in vista dell’approvazione della manovra. Si stima un gettito di circa 190 milioni di euro dal 2019 (anno di avvio della tassazione), rispetto ai circa 114 milioni della versione votata da Palazzo Madama. 

Rispetto a quella del Senato, la proposta – impegnato in prima linea il presidente della commissione Francesco Boccia – mira ad eliminare il credito d’imposta previsto per le imprese italiane e gli articoli che affidavano alle banche il ruolo di sostituto d’imposta per il pagamento della tassa.

La proposta di modifica “punta – ha spiegato Boccia – al rafforzamento del concetto della stabile organizzazione”, ricordando i risultati raggiunti finora dal fisco operando su questo aspetto dell’economia digitale.

L’emendamento modifica l’imposta al 3% (il Senato aveva optato per il 6%) ma la applica sulle transazioni digitali rese nei confronti di soggetti residenti nel territorio dello Stato e anche delle stabili organizzazioni di soggetti non residenti situate nel medesimo territorio. Lça norma non riguaderà e-commerce e cessione di beni.

L’imposta si potrebbe applicare sull’ammontare dei corrispettivi relativi alle transazioni, al netto dell’Iva, indipendentemente dal luogo di conclusione della transazione.

La norma “salva Pmi e startup”  prevede che la web tax sia applicata solo nei confronti del soggetto prestatore o cedente residente o non residente, che effettua nel corso di un anno solare un numero complessivo di transazioni digitali superiore alle 3000 unità.

Scompaiono sia le comunicazioni all’Agenzia delle Entrate e dunque lo spesometro per tracciare le imprese digitali. Non saranno comunque penalizzate le piccole imprese in contabilità semplificata e i cosiddetti minimi.

Novità anche sul concetto di “stabile organizzazione” che non comprende: “L’uso di una installazione ai soli fini di deposito, di esposizione o di consegna di beni o merci appartenenti all’impresa; la disponibilità di beni o merci appartenenti all’impresa immagazzinati ai soli fini di deposito, di esposizione o di consegna; la disponibilità di beni o merci appartenenti all’impresa immagazzinati ai soli fini della trasformazione da parte di un’altra impresa – si legge nel testo – la disponibilità di una sede fissa di affari utilizzata ai soli fini di acquistare merci o di raccogliere informazioni per l’impresa; la disponibilità di una sede fissa di affari utilizzata ai soli fini dello svolgimento, per l’impresa, di ogni altra attività; la disponibilità di una sede fissa di affari utilizzata ai soli fini dell’esercizio combinato delle attività menzionate sopra, a condizione che tale attività, l’attività complessiva della sede fissa d’affari sia di carattere preparatorio o ausiliario”.

“Dopo l’iniziale delusione di questa notte davanti alla porta della Commissione Bilancio, dove si è approvata una versione ‘light’ della Web Tax che esclude la cessione di beni fisici e si concentra sui soli servizi, è bene sottolineare che si è evitato un passo falso – commenta Davide Rossi, presidente della Federazione Optime e dg di Aires-Confcommercio – 
Nella giornata di domenica era infatti circolata una versione dell’emendamento che non ci convinceva e avrebbe creato più problemi che opportunità”.
Proseguiremo però la nostra battaglia per la ‘par condicio competitiva’ – conclude Rossi – Come Aires chiedendo nuove leggi perequative delle asimmetrie esistenti, e come Optime per far applicare a tutti, a tutti indiscriminatamente, le tante norme già in vigore che vengono talvolta disattese proprio dai principali operatori Ott”.

@RIPRODUZIONE RISERVATA
Argomenti trattati

Approfondimenti

F
francesco boccia
W
web tax

Articolo 1 di 5