Siae, sprint digitale: via al servizio online "mioBorderò" - CorCom

LA DELIBERA

Siae, sprint digitale: via al servizio online “mioBorderò”

Il Consiglio di Gestione approva la delibera che prevede l’entrata a regime della piattaforma dal 1° luglio. Il presidente Sugar: “Avanti tutta sull’innovazione”

21 Giu 2016

Andrea Frollà

Il Consiglio di gestione Siae approva all’unanimità l’entrata a regime dal 1° luglio del servizio on line mioBorderò. “Il nuovo servizio online mioBorderò riafferma la tradizione di Siae che – spiega il presidente della Società italiana autori ed editori, Filippo Sugar – rispetto alle consorelle europee, da sempre distribuisce gli incassi in maniera maggiormente analitica”. Le nuove disposizioni “rientrano nell’ambiziosa agenda digitale per la quale abbiamo investito in 2 anni 16 milioni di euro che include inoltre la piattaforma per i pagamenti online, i permessi per la musica d’ambiente e le feste private online, il nuovo portale servizi per gli associati, le iscrizioni on line, il nuovo portale per gli organizzatori di eventi e i depositi on line”.

Tra le altre decisioni del Consiglio di Gestione, la modifica della Delibera consiliare del 22 maggio 2008 che disciplina, per i concerti con esibizione di artisti/autori supporter, la percentuale degli incassi da attribuire alle opere eseguite dall’artista/autore principale e quella da attribuire alle opere eseguite dall’artista/autore supporter. Tale modifica prevede una percentuale del 5% per gli incassi riservati ai programmi dei supporter, per un importo massimo concretamente attribuibile pari a 1.000 euro. Grazie a questo provvedimento sarà più facile per i giovani artisti/autori essere ospitati come supporter nei concerti dei grandi artisti e autori.

Il Consiglio ha infine deliberato anche in merito alla concessione al provider SoundCloud, piattaforma di hosting a carattere musicale punto di riferimento per Deejay e musicisti alternativi, di una licenza multi-territoriale per due servizi streaming in abbonamento e per un servizio gratuito basato sugli introiti pubblicitari.