Sicurezza, mobile workspace tallone d'Achille per le aziende - CorCom

LO STUDIO

Sicurezza, mobile workspace tallone d’Achille per le aziende

La ricerca di Dimension Data: i device non sono pronti per affrontare le cyber minacce future. Utilizzare smartphone e tablet offre grandi opportunità per il business ma espone ancora a grandi rischi e vulnerabilità

12 Ott 2016

A.S.

Le aziende che non sono in grado di offrire un ambiente lavorativo flessibile, autonomo e creativo, quindi improntato all’utilizzo dei device mobili, corrono il rischio di perdere i talenti di prossima generazione. Ma nonostante questo, la maggior parte degli ambienti lavorativi in mobilità, che prevedono cioè l’utilizzo di smartphone e tablet, non è pronto per reagire alle minacce informatiche future.

E’ la conclusione a cui è giunta Dimension Data nel suo ultimo report, “Securing workspace for tomorrow”, che evidenzia, spiega l’azienda specializzata nella fornitura di soluzioni e servizi Ict, la richiesta incalzante dei dipendenti di tutto il mondo di uno spazio lavorativo più mobile e flessibile per poter lavorare in qualsiasi luogo, momento e da qualsiasi dispositivo, aumentando la produttività e migliorando l’equilibrio tra lavoro e vita privata.

“Tuttavia – sottolinea Matthew Gyde, group executive – Security di Dimension Data – proprio perché gli utenti mobile accedono a Internet in movimento, sono più vulnerabili agli attacchi in quanto potrebbero non avere lo stesso livello di sicurezza offerto all’interno del perimetro aziendale”.

360digitalskill
Accresci le tue competenze digitali: crea il percorso per te e il tuo team
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working

Oggi, emerge dai dati di Dimension Data, l’utente medio utilizza quattro dispositivi al giorno, e questo dato è destinato ad aumentare fino a 5 dispositivi connessi nei prossimi quattro anni. Entro il 2020, fino a 1,55 miliardi di persone saranno responsabili per il proprio lavoro svolto non più solo presso la propria scrivania. Inoltre, è previsto che entro il 2015 per una forza lavoro mondiale di 3,85 miliardi di persone il 50% dei dipendenti sarà costituito da millenians esperti tecnologici per i quali l’equilibrio lavoro-vita è il principale elemento nella valutazione delle opportunità lavorative.

“Una forza lavoro mobile funzionale consente ai dipendenti di accedere alle applicazioni e ai dati aziendali da qualsiasi ubicazione, sia essa la sede centrale, una filiale, la sede del cliente, casa propria o mentre si è in viaggio – afferma Tony Walt, group executive – End-user Computing di Dimension Data – Questo incremento di collaborazione fluida contribuirà a guidare l’innovazione e a garantire alle organizzazioni un vantaggio competitivo. Pertanto, la mobilità non è solo una preferenza ma una necessità che introduce però delle complessità legate al mantenimento dell’integrità di workspace for tomorrow sicuri.”.

“Un commerciale che utilizza un dispositivo mobile potrebbe accedere inconsapevolmente a un link dannoso – aggiunge Gyde – usando una rete wireless non protetta e di conseguenza scaricare ransomware. Mentre gli endpoint mobile rappresentano una svolta per il business, espongono i lavoratori mobile a rischi e vulnerabilità per la sicurezza, in quanto non sono protetti da una sicurezza di livello enterprise. Inoltre, viene sempre di più consentita l’introduzione in azienda di dispositivi personali – bring your own device (Byod) – aumentando il rischio di perdita dei dati a causa della mancanza di controllo o di visibilità dei dispositivi personali o di accesso alla rete aziendale in caso di furto o perdita del dispositivo”.