LA PARTNERSHIP

Siderurgia, Tenova e Microsoft insieme per la trasformazione digitale

Al centro dell’accordo di collaborazione il cloud di Azure e le soluzioni a base di intelligenza artificiale e Internet of Things

09 Lug 2020

Antonio Dini

Microsoft e Tenova, azienda del gruppo Techint, rafforzano la loro collaborazione per spingere l’innovazione e la trasformazione digitale nell’industria siderurgica, un settore che nel mondo fa lavorare sei milioni di persone e ha un giro d’affari di circa 2.500 miliardi di dollari.

La collaborazione tra le due aziende ha l’obiettivo di guidare le imprese del settore siderurgico nei loro percorsi di trasformazione digitale, facendo leva su intelligenza artificiale, machine learning e IoT per abilitare nuovi modelli di Industria 4.0. Tra le aziende che hanno già beneficiato della partnership, grazie a tecnologie in grado di abilitare una migliore gestione del dato, ci sono Ori Martin, azienda siderurgica bresciana specializzata nella produzione di acciai di qualità, e Tenaris, tra i maggiori produttori e fornitori globali di tubi in acciaio e servizi per l’industria energetica mondiale.

In concreto, le due aziende vogliono dotare le imprese italiane dell’industria metallurgica di strumenti basati sull’intelligenza artificiale per dare valore alla grande quantità di dati che provengono dagli impianti industriali, con l’obiettivo di monitorarne il funzionamento e le performance, oltre a garantire la qualità del prodotto finale.

WHITEPAPER
Che differenza c’è tra i Business Continuity e Disaster Recovery?
IoT
Manifatturiero/Produzione

La collaborazione si sviluppa lungo tre assi principali: monitoraggio e manutenzione predittiva, grazie ad algoritmi di intelligenza artificiale che permettono di stabilire lo stato di salute degli impianti, di modificare i parametri produttivi per garantire elevate performance e di ridurre al minimo i fermi macchina; secondo, l’ottimizzazione delle operazioni e della gestione dei processi interni, attraverso le funzionalità di Ai e Machine Learning integrate nella piattaforma Azure, oltre che i sensori e attuatori Azure e l’intelligenza decentrata per migliorare la produttività e la scalabilità in modo sicuro e sostenibile; terzo, la collaborazione e il costante impegno per l’innovazione tra chi conosce la tecnologia e chi opera negli impianti (il cosiddetto “fattore umano”), capitalizzando gli insight relativi all’utilizzo dei macchinari grazie alle conoscenze specifiche del settore e all’expertise, così da trasformare i dati puri in informazioni rilevanti.

Riguardo ai primi casi di trasformazione digitale di successo, il progetto di Ori Martin, assieme a Tenova, si chiama Lighthouse Plant “Acciaio_4.0” e vuole trasformare il sito produttivo dell’acciaieria bresciana in una Smart Factory grazie all’applicazione delle tecnologie abilitanti di Industria 4.0, diventando così un modello di innovazione nel settore, non solo a livello nazionale. Invece Tenaris ha consolidato un team di data scientist la cui missione è superare le sfide industriali e sfruttare le soluzioni digitali. Da allora, ha avviato un’ampia gamma di casi d’uso relativi ai processi industriali, alcuni dei quali in collaborazione con Tenova e Microsoft, consapevole che la capacità di elaborare e interpretare grandi quantità di dati in tempo reale svolge un ruolo cruciale nel supportare la continuità dell’attività a livello globale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 3